Nasce da Atzara la prima pensilina anti assembramento

  • Scritto da Effe_Pi

Si chiama Lolla e oltre a favorire il mantenimento delle distanze racconta il territorio e può ricaricare il cellulare.

Si chiama Lolla, racconta il territorio, promuove l'arte, costringe a mantenere le distanze mentre si aspetta l'autobus e può persino ricaricare il cellulare. La prima pensilina intelligente d'Italia nasce ad Arzana, nel centro Sardegna, grazie al sodalizio di Opera Blue house, azienda sarda di Marco Bittuleri, con l'artista e designer Mara Damian, l'apporto creativo di Luca Poerio, interior design e il supporto dell'amministrazione comunale. Sarà inaugurata sabato 27 marzo.

Alcuni mesi fa, il Comune ha chiesto a Marco Bittuleri un progetto per realizzare le pensiline nelle fermate dei bus dislocate nei vari punti del paese. L'imprenditore arzanese ha sposato con entusiasmo la proposta con la scelta, però, di donarne un'altra e l'auspicio di dare alla sua azienda l'occasione di mostrare il suo saper fare e per lasciare un segno tangibile del suo operato nel suo paese natale, creando un particolare arredo urbano di design, con servizi e una sua stilizzazione, attingendo dalla creatività di un'artista isolana come Mara Damiani.

LEGGI ANCHE | In Sardegna nasce il kit per il distanziamento in spiaggia

"È stato una lavorazione molto articolata, resa difficoltosa dalla scelta dei materiali" spiega Marco. "La pensilina è stata pensata e progettata in modo dettagliato. Per ottenere un manufatto, o meglio un prodotto, si è dovuto sperimentare più di una soluzione, fino a ottenere quella più adatta". La Lolla può essere trasportata su ruota e spostata interamente senza alcuna difficoltà. Può essere rivestita sempre in modo nuovo e diverso, se ne possono cambiare la disposizione dei setti, e quindi anche il loro utilizzo. "Siamo partiti da una pensilina che garantisse il distanziamento agli studenti - spiega il sindaco Angelo Stocchino - sulla scorta di altri interventi che abbiamo effettuato in paese per garantire la sicurezza in questo periodo, specie nelle scuole. Siamo andati oltre e abbiamo accolto con entusiasmo la proposta della Lolla, che, fin dal nome, unisce tradizione a innovazione ed è un'apripista a altri progetti che abbiamo in cantiere per migliorare la vivibilità e la conoscenza del territorio, che ha nel bellissimo Gennargentu la sua principale attrattiva".