Scoperto in Sardegna un nuovo tipo di scorpione

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Si tratta del primo esemplare endemico in tutta Italia ed è stato trovato da due ricercatori nelle grotte dell'Ogliastra.

La Sardegna non smette di regalare sorprese agli appassionati di natura. L’ultima scoperta riguarda la presenza di una nuova specie di scorpione, il Sardoscorpius troglophilus, trovato all’interno di due grotte dell’ogliastra.

Si tratta di una scoperta importante, frutto del lavoro del biospeleologo cagliaritano Carlo Onnis e del ricercatore romano Gioele Tropea, perché si tratta del primo scorpione endemico italiano che appartiene a una specie e a un genere tutto suo, tanto da meritare un nuovo nome: Sardoscorpius Tropea. Già altre due specie di scorpioni erano state rinvenute sull’isola ma quest’ultima non è neanche lontanamente imparentata con le prime due, né con altre specie di scorpioni che si trovano in Italia. Il suo parente più prossimo sembrerebbe essere uno scorpione che vive sui Pirenei, il Belisarius xambeui, che non ha gli occhi a causa dell’adattamento alla vita in grotta. È questa l’ennesima dimostrazione che un tempo decine di milioni di anni fa, la Sardegna era unita alla penisola iberica. Il Sardoscorpius troglophilus è molto raro, è stato trovato con certezza all’interno di due grotte ogliastrine, forse avvistato in una terza, e non si esclude che possa vivere anche all’esterno. A differenza del suo parente spagnolo, infatti, lo scorpione sardo ha gli occhi, segno che nonostante frequenti lo stesso habitat il suo adattamento è stato più recente.

LEGGI ANCHE| Sa Pompia, dalla Sardegna uno dei più antichi agrumi al mondo

Altro fatto interessante è che questo scorpione è stato avvistato in un territorio ristretto, due o forse tre rocce, e non tutti gli anni. Sicuramente si tratta di una specie molto rara, che potrebbe vivere all’interno delle rocce, nelle cavità ipogeee, ed uscire fuori soltanto quando ci sono le condizioni climatiche favorevoli.

Lo scorpione sardo ha il corpo di colore giallo paglierino, gli occhi e una coda più tozza rispetto a tutte le altre specie di scorpioni che abitano la Sardegna. Come conferma Tropea, “è il più antico endemismo d’Italia per quanto riguarda il suo ordine (Scorpiones) e è l’unico genere, ma non specie, di scorpione endemico per l’Italia. Era presente in Sardegna già prima che tutti gli altri scorpioni fossero presenti in Italia o che l’Italia fosse perfettamente formata. Non è imparentato con i più noti scorpioni della famiglia Euscorpiidae comunemente trovati in Italia, ma insieme al Belisarius ha più affinità con alcuni scorpioni che si trovano in America, come relitti di quando i continenti erano uniti”.