Il Nord Sardegna ora scommette sul Trenino verde

  • Scritto da Effe_Pi

L'idea di Provincia e Arst, rete di 18 Comuni per il rilancio di un mezzo di trasporto che può essere una grande attrazione turistica.

Una rete di 18 Comuni per promuovere e valorizzare il Trenino verde e farne un attrattore per il fiorente mercato del turismo lento e sostenibile, ma anche un traino per il rilancio economico e culturale di una vasta porzione dell'isola che va da Ovest e Est, partendo da Alghero per arrivare a Palau passando dal Sassarese, dall'Anglona e dall'alta Gallura.

È l'idea alla base del progetto presentato a Sassari, nel palazzo della Provincia, dall'Arst e dall'amministrazione provinciale. Nelle intenzioni dei due proponenti c'è la costituzione di un partenariato che progetti la valorizzazione, la promozione e lo sviluppo della linea ferroviaria storica". A unirsi in rete sono chiamati 18 Comuni: Alghero, Olmedo, Usini, Sassari, Sorso, Osilo, Nulvi, Martis, Laerru, Perfugas, Bortigiadas, Aggius, Tempio, Luras, Calangianus, Sant'Antonio di Gallura, Arzachena e Palau.

LEGGI ANCHE | Il Recovery fund per rifare le ferrovie sarde 

Costruita a scartamento ridotto nell'Ottocento, con 438 chilometri complessivi la linea del "Trenino Verde" è la più lunga rete ferroviaria turistica d'Europa ed è riconosciuta come secondo elemento di richiamo turistico in Sardegna, primo nelle zone interne. La sfida è farne realmente un attrattore capace di innescare un flusso turistico continuo e regolare e di sviluppare occupazione nell'indotto, dall'accoglienza alle guide turistiche, dalla ristorazione all'artigianato.