A misura di disabile: rinnovato l’accesso alle spiagge di Sant’Antioco

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Il comune vuole valorizzare i percorsi turistici con un’attenzione particolare alle categorie più deboli, investimento sulle barriere architettoniche per 73mila euro.

L’Amministrazione comunale di Sant’Antioco (Sulcis Iglesiente), sta affrontando un investimento di 74mila euro per abbattere le barriere architettoniche nelle località antiochensi più frequentate come Maladroxia, Coe Quaddus, fino a Cala Sapone. Lo scopo è valorizzare il territorio comunale a fini turistici con un occhio di riguardo verso le categorie più deboli, verso chi ha problemi di mobilità.  Secondo quanto dichiarato dal sindaco, gli interventi saranno resi possibili grazie al finanziamento concesso dal Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna sulla base di un progetto presentato dall’amministrazione comunale.

 Gli interventi prevedono la costruzione di passerelle antiscivolo non soggette a surriscaldamento e più appropriate al contesto e poi la predisposizione e la realizzazione di nuovi percorsi posizionati direttamente sui tratti di spiaggia in modo da consentire un accesso diretto al mare dai parcheggi fino al bagnasciuga e gli ombrelloni.

LEGGI ANCHE| La spiaggia della Pelosa avrà un nuovo lungomare

 La prima opera sarà realizzata a Maladroxia, dove la spiaggia sarà collegata al parcheggio principale tramite una serie di passerelle. Altre passerelle saranno installate a Coe Quaddus e Cala Sapone. Secondo il sindaco si tratta di un intervento fondamentale per restituire le spiagge non solo ai turisti in generale, ma soprattutto ai disabili che potranno goderne senza affrontare i tipici problemi dovuti alla presenza delle barriere architettoniche. Spiega il sindaco: "Questo intervento si somma a quelli già in itinere: la realizzazione della nuova segnaletica da inserire nelle principali spiagge e la creazione di nuovi sentieri. Si tratta, tra passerelle, segnaletica e sentieristica, di un investimento totale di 115 mila euro che ci consentirà di dare una nuova veste ai contesti delle spiagge, creando le migliori condizioni di accessibilità per tutti. È un obiettivo raggiunto, assolutamente in linea con i nostri programmi".