Nell'ultimo mese

L'inquinamento del mare si combatte con una app

  • Scritto da Maris Matteucci

Un app utile per combattere l'inquinamento del mare: è quella realizzata all'interno del progetto anti scarichi di Sardegna Ricerche

Internet anche in mare per combattere l'inquinamento delle acque che, purtroppo, rimane oggi una delle realtà più tristi da affrontare. E' stato testato a Cagliari il progetto anti scarichi di Sardegna Ricerche. Al molo Dogana ha avuto luogo una prova sul campo con l'evento "Barche aperte", dedicato alla presentazione del progetto Greenboxnautica e organizzato dalla stessa Sardegna Ricerche e dal Cluster Nautica. E dopo la presentazione ecco che sono seguite due uscite dimostrative con gli operatori del settore nautico, delle aree marine protette, dei porti e delle marine a bordo di Italo, l'imbarcazione su cui è installato il sistema che introduce il web nel mercato del mare.

Un sistema che potrebbe essere in grado di rappresentare una svolta importante in tema di inquinamento del mare. Un sistema "verde" localizza la posizione dell'imbarcazione in prossimità di aree marine protette, porti e marine. Nel caso in cui vengano varcati i confini, il dispositivo intelligente chiude gli scarichi fuoribordo degli impianti idrici e delle sentine e permette di riaprirli solo in caso di emergenza o comunque una volta che l'imbarcazione fuoriesce dal perimetro delimitato. Una applicazione appositamente studiata controlla il funzionamento del sistema e fornisce informazioni sull'area marina in cui si sta navigando e sui servizi forniti dagli operatori. Un modo pratico e veloce insomma per monitorare con precisione la situazione dei mari e ridurre l'inquinamento che invece è purtroppo in aumento.

PESCA E ACQUACOLTURA, AL VIA IN SARDEGNA 15 BANDI

Questo lodevole progetto nasce dalla volontà di alcune piccole imprese che operano del settore del diportismo e che con grande determinazione si adoperano per un mare più pulito. L'iniziativa è promossa da Sardegna Ricerche e finanziata dal Po Fesr Sardegna 2007-2013.

Foto | Pixabay

Leggi anche