Cagliari, al via le ferie solidali tra colleghi

  • Scritto da Maris Matteucci

Cagliari, al via le ferie solidali tra colleghi: ci si appella alla generosità dei lavoratori per aiutare chi ha figli minori alle prese con problemi di salute...

Cagliari è il primo comune nel quale viene introdotto l'istituto delle ferie solidali per i dipendenti dell'amministrazione: si tratta della possibilità, da parte di coloro che hanno maturato ferie in eccesso, di cederne una parte a colleghi che ne hanno bisogno per accudire figli piccoli (minori) con problemi di salute e obbligati a seguire cure di assistenza costante.

Il limite posto è che si potranno regalare ai colleghi le ferie eccedenti il minimo inderogabile costituito da quattro settimane. Una iniziativa a favore dunque di coloro che si trovano costretti ad affrontare difficoltà in famiglia e che, grazie alla generosità di persone che lavorano con loro, potranno avere molto più tempo da dedicare ai loro cari. L'adozione della delibera arriva dopo la firma dell'accordo con i rappresentanti territoriali delle organizzazioni sindacali, protagoniste nella trattativa che ha condotto a un risultato che senza dubbio segnerà un passo in avanti nel rapporto di fiducia tra i colleghi.

 Offerte di lavoro: ecco quelle sarde di inizio marzo

In totale autonomia, nel rispetto ovviamente delle regole imposte, i lavoratori potranno decidere di fare qualche giorno di ferie in meno cedendolo a qualche collega bisognoso. L'accordo ha permesso di anticipare il contratto collettivo nazionale di lavoro, garantendo fin da subito, a coloro che ne avevano bisogno, un sostegno concreto invece di seguire gli iter burocratici prestabiliti che molto spesso sono lunghissimi. Inoltre, va sottolineato che quella delle ferie solidali tra colleghi, oltre che essere sicuramente lodevole perché ha come obiettivo quello di aiutare coloro sono in difficoltà, ha anche un altro importante vantaggio ovvero non non comporta costi aggiuntivi per la spesa pubblica. Insomma nessuno ci rimette ma c'è solo da guadagnarci.

Photo | Pixabay

Leggi anche