Tre studentesse di Cagliari rinnovano il carcere minorile

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Le ragazze, del corso di Laurea Magistrale in Architettura, hanno riprogettato alcuni ambienti del carcere nella loro tesi di laurea

Per mesi hanno frequentato il carcere minorile di Cagliari nell’ambito del progetto “Fuori luogo” e poi insieme ai detenuti e agli operatori hanno progettato e rimodernato alcune zone dell’istituto di pena. È proprio per questo che le tre studentesse del corso di Laurea Magistrale in Architettura – Laura Spanò, Giulia Rubiu e Alice Salimbeni – hanno deciso di discutere la loro tesi di laurea proprio all’interno del carcere minorile di Quartucciu.

Il loro lavoro è stato realizzato in parte con elaborati di progettazione e ristrutturazione di alcuni ambienti del carcere, che sono stati rimodernati e resi più gradevoli ed efficienti anche seguendo le indicazioni e le idee dei ragazzi detenuti e degli operatori, che sono stati coinvolti attivamente nello studio delle modifiche da apportare alla struttura.

LEGGI ANCHE| Angelo diventa il simbolo del ritorno nella società dei detenuti minori

"Sono molto orgogliosa del segnale di responsabilità sociale, di inclusività, di accettazione della diversità - in questo caso di ragazzi che hanno fatto uno sbaglio nel loro percorso - che diamo questa mattina. Sono meravigliata di quello che avete fatto, e anche orgogliosa, perché il nostro Ateneo vuole vivere di queste cose, al di là del fatto che facciamo scienza, ricerca e cultura".

Foto | Riccardo Agostini su Flickr