Nell'ultimo mese

ISPRA: IN SARDEGNA CAMBIA IL CLIMA

  • Scritto da Effe_Pi

Cambiamenti climaticiAumentano anche nell'isola temperature ed eventi atmosferici estremi.

Cambia il clima, anche in Sardegna, e le anomalie che riguardano tutta Italia non risparmiano l’isola. Le temperature in generale salgono e diminuiscono le precipitazioni, rispettando la tendenza denunciata ormai da decenni dalla comunità scientifica verso il cambiamento del clima, ma aumentano anche eventi estremi come episodi di freddo record ed eccezionali precipitazioni, anche estive. Lo dice l’VIII rapporto “Gli indicatori del clima in Italia” dell’ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), che illustra l’andamento del  clima nel corso del 2012 e aggiorna la stima delle variazioni climatiche negli ultimi decenni nel paese.

Tra le anomalie sarde, da segnalare episodi di freddo intenso in cui la temperatura, “oltre a raggiungere valori minimi giornalieri eccezionali, è rimasta su valori particolarmente bassi per molte ore, determinando in molti casi condizioni critiche”. Secondo l’ISPRA sono “di particolare rilievo le temperature minime registrate (nel 2012) a Gavoi (-17.0 °C) e a Illorai (-15.5 °C), che sono in assoluto le temperature più basse mai registrate in  Sardegna dall’inizio delle osservazioni del Servizio Idrografico e Mareografico Nazionale”. Le basse  temperature sono state accompagnate da ripetute nevicate, che l’11 febbraio hanno raggiunto il livello  del mare nella parte settentrionale dell’isola, “interessando località come Alghero e Stintino. Per trovare un evento nevoso più duraturo bisogna tornare indietro al febbraio del 1956”. Le temperature molto basse e le gelate intense e persistenti di febbraio hanno poi causato in gran parte della regione un rallentamento del ciclo vegetativo delle colture foraggere.

Anche in estate, non sono mancati eventi estremi: il 23 luglio, ad esempio, nubifragi e temporali hanno interessato la Sardegna orientale (insieme a Calabria, Sicilia, Lazio e Campania), arrivando in alcuni casi fino a 130 millimetri di precipitazione cumulata. Nel complesso, però, in Sardegna nel 2012 ha piovuto circa il 25% in meno della media climatologica registrata negli ultimi decenni.

A livello nazionale, nel 2012 in Italia l’anomalia della temperatura media sulla terraferma  rispetto al trentennio climatologico di riferimento (1961-1990), è stata di +0.78°C e colloca il 2012 al 7° posto tra gli anni più caldi dal 1961. Il 2012, poi, è stato il 21° anno consecutivo con temperatura media più elevata della norma e, con  un’anomalia media di +1.31°C, si colloca al 4° posto assoluto dal 1961.

Leggi anche