Nell'ultimo mese

Caos GoinSardinia: migliaia di turisti a rischio

  • Scritto da Effe_Pi

Porto OlbiaArrivato a Olbia con 12 ore di ritardo il traghetto del consorzio di imprenditori dell'isola: a rischio le tratte fino a metà settembre.

È ennesimo caos trasporti in Sardegna, con la vicenda GoinSardinia, la nave affittata da un’associazione di imprenditori sardi che rischia di lasciare a terra migliaia di turisti da qui a metà settembre. Ieri è stata una giornata di passione, quando sembrava che l’imbarcazione, messa in mare per tentare di lottare contro il caro – traghetti, non sarebbe partita dal porto di Livorno dopo il blocco deciso dalla società proprietaria (la Anek line) per la nave El Venizelos, causa una serie di contenziosi con il consorzio. Solo l’intervento di una task-force presso la Capitaneria di porto di Olbia, che vede riunite le forze dell'ordine, l'Autorità Portuale del Nord Sardegna, Questura, Prefettura, Regione, Protezione Civile e compagnie di navigazione, ha consentito la partenza, seppure con 12 ore di ritardo.

Dodici ore di attesa per i passeggeri che dovevano venire nell’isola da Livorno, e per chi doveva rientrare con GoinSardinia a fine vacanza. La nave è giunta in Gallura alle 9.15 di stamane per poi ripartire alle 12, con i turisti, esasperati per la situazione, che lamentano la mancanza di informazioni da parte della compagnia. Ma il peggio potrebbe ancora dover arrivare: secondo quanto riferito dalla stessa GoinSardinia, dovrebbero essere circa 20.000 i passeggeri – sino a metà settembre - che potrebbero rimanere a terra in seguito al blocco della nave.

I contenziosi con Anek sono “inutili” secondo il presidente del consorzio Giampaolo Scano, ma lo stesso ha già scritto a Governo e Regione, il riconoscimento come compagnia di navigazione. Un sostegno che dovrebbe aiutare il gruppo di imprenditori sardi, messo in ginocchio da un "carico sporco" che ha costretto anche a dirottare circa duemila passeggeri su altre compagnie, con un notevole esborso. "Vorremmo essere riconosciuti come compagnia, vorremo che l'ambizioso progetto di GoinSardinia venisse riconosciuto da Governo e dalla Regione Sardegna": nella lettera si precisava che non ci sarà "nessuno stop alle tratte, siamo imprenditori serie e porteremo avanti il nostro impegno, senza ulteriori intoppi. Semplicemente vorremo venire riconosciuti come una compagnia che dopo anni è stata in grado, per via della legge del mercato, di far abbassare anche i prezzi delle altre compagnie".

 

Leggi anche