India, la protesta per le quote

Il 24 febbraio a New Delhi l’acqua ha cominciato a tornare nelle case di dieci milioni di persone (metà della popolazione della città) dopo una crisi idrica durata diversi giorni.

Da Internazionale

Una protesta accompagnata da disordini e saccheggi nello Haryana, lo stato confinante con quello della capitale indiana, aveva infatti provocato il sabotaggio del canale principale di approvvigionamento idrico della città.

A guidare la protesta alcuni appartenenti della casta jat, che chiedevano al governo di essere inseriti nel sistema delle quote per il pubblico impiego e per l’istruzione riservate alle caste disagiate. I jat sono una casta di proprietari terrieri tradizionalmente benestanti e politicamente influenti.

Ma con la crisi del settore privato, la conseguente diminuzione dei posti di lavoro e il calo delle rendite del settore agricolo, i jat ora vogliono essere inseriti nel sistema delle quote, come le caste inferiori.

“Le proteste sono il risultato di politiche del lavoro inadeguate e del fallimento del sistema scolastico che crea ogni anno migliaia di diplomati senza speranza di trovare un impiego”, scrive Scroll.in. “La distanza tra l’istruzione, le aspirazioni e i posti di lavoro disponibili spiega perché caste privilegiate come i jat o i patel nel Gujarath chiedano di essere classiicate come svantaggiate.

Approfondisci:

La struttura, voluta e finanziata dalla diocesi di Sindhudurg, si prenderà cura dei bambini seguendoli nel loro sviluppo mentale, emotivo e sociale. Mons. Barreto: ...
Nella cornice del ristorante l’Osteria di Cicerone, nei pressi di piazza Cavour è stato presentato il libro di Gwendolyn ...
All’inizio del 2018 la giornalista Maria Tavernini, collaboratrice di Osservatorio Diritti, ha incontrato diversi giovani attivisti del movimento Lgbtqia+ dell’ India e raccolto le loro storie. Le int ...
Perché le iniziative progressiste di Ela Bhatt hanno incontrato l’ostilità (anche violenta, quando una banda di teppisti le sfasciò la casa) di chi non voleva cambiare le cose. Nella sua lunga e vorti ...
Minori violentate e uccise da gruppi di casta dominante, famiglie e anziani picchiati. Il card. Machado: “Violenze disumane, si riconoscano come violazione dei diritti umani”. L'invito ...