Le mostre ripartono con le foto di McCurry a Cagliari

  • Scritto da Effe_Pi

Inaugurata l’esposizione del fotografo statunitense che doveva partire a marzo a Palazzo di Città ed era stata poi rinviata per l’emergenza Coronavirus.

Le mostre e gli eventi a Cagliari ripartono alla grande con l’inaugurazione di oggi, all'ultimo piano del Palazzo di città a Cagliari, di "Steve McCurry - Icons", cento capolavori che raccontano colori e dolori del mondo, dalle guerre al crollo delle torri gemelle. Il pezzo più pregiato è la ragazza afghana, l'immagine dell'adolescente del campo profughi con gli occhi verdissimi, uno degli scatti più conosciuti della storia della fotografia. La mostra era in programma già da marzo in uno scenario che comprendeva anche l'America's cup e la stessa presenza a Cagliari del fotografo.

LEGGI ANCHE | Porte aperte per il patrimonio sardo

Invece il Coronavirus ha sconvolto tutti i piani. "Ma ora assume per la Sardegna, ma più in generale per l'Italia - ha detto l'assessore Paola Piroddi durante la presentazione -  un messaggio di ripartenza". L'esposizione coincide anche con la riapertura post lockdown degli spazi del Palazzo di città. La mostra "Steve McCurry - Icons", raccoglie in un centinaio di scatti l'insieme e forse il meglio della sua vasta produzione, per proporre ai visitatori un viaggio simbolico nel complesso universo di esperienze e di emozioni che caratterizza le sue immagini. A partire da alcuni scatti, gli unici in bianco e nero, realizzati tra il 1979 e i l1980 nel suo primo reportage in Afghanistan, dove era entrato insieme ai mujaheddin che combattevano contro l'invasione sovietica. Dall' Afghanistan veniva anche Sharbat Gula, la ragazza che McCurry ha fotografato nel 1984 nel campo profughi di Peshawar in Pakistan e che è diventata una icona assoluta della fotografia mondiale.

Dall'India alla Birmania, dal Giappone all'Africa, fino al Brasile. La mostra inizia infatti con una straordinaria serie di ritratti e si sviluppa tra immagini di guerra e di poesia, di sofferenza e di gioia, di stupore e di ironia. In una audioguida disponibile gratuitamente per tutti i visitatori, Steve McCurry racconta in prima persona molte delle foto esposte. Inoltre, un primo video proiettato in mostra accompagna le foto del primo reportage in Afghanistan; in un secondo video, McCurry racconta la sua lunga carriera e soprattutto il suo modo di intendere la fotografia.

L'esposizione potrà essere visitata fino al 10 gennaio 2021. E' preferibile prenotare on line la propria visita sul sito dei Musei Civici di Cagliari cliccando su questo link.

Per info e orari:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono: (0039) 070.677.6482