Manager di Dio: documentario sardo alla scoperta della regola benedettina

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Il documentario made in Sardegna ci spiega come la regola benedettina possa essere applicata con successo anche dai grandi manager attuali

In questa epoca digitale di grandi cambiamenti, pensare di tornare indietro a studiare la regola benedettina e i suoi fondamenti morali può sembrare anacronistico. Eppure l’importanza di questi precetti ce l’ aveva mostrata il libro “I Manager di Dio”, uno studio firmato dall’esperto formatore e manager del comparto turistico Rocco Meloni, che era riuscito a spiegare come le antiche regole del mondo benedettino nascondessero preziosi consigli utili anche per l’imprenditoria attuale. Adesso il documentario, opera di Pietro Mereu, che sarà in onda dal 2 al 9 dicembre su TV2000 ci racconterà quanto la regola benedettina sia attuale per il mondo del management.

Semplicità e fratellanza, arte oratoria e comunicazione, nella regola benedettina si trovano indicazioni tanto semplici quanto rivoluzionarie, frutto di secoli di esperienza di migliaia di uomini. Nella puntata ambientata a San Pietro di Sorres, scopriremo l’omonimo monastero benedettino immerso nel verde e nei silenzi dei colli di Borutta, a meno di 50 chilometri da Sassari, per scoprire come l’antico dettame “ora et labora”  viene applicato quotidianamente.

La miniserie è un’occasione per riflettere sulla nozione della regola di San Benedetto ma anche un modo per viaggiare attraverso gli incantevoli scenari paesaggistici e culturali delle antiche abazie, da San Pietro di Sorres fino a Subiaco, dove protagonisti come il chirurgo Paolo Sassu e l’imprenditore e designer Alessio Gismondi spiegheranno come questa summa di regole possono essere utili agli attuali manager aziendali.

LEGGI ANCHE| Il Cammino sardo passa anche per le 100 torri

 “Ora et labora” è la sintesi si uno stile di vita, di valori e comportamenti antichi che ancora oggi vengono praticati metodicamente dai monaci, ritmi di vita apparentemente antichi che invece nascondono il segreto per diventare manager vincenti.  Si tratta di ispirarsi ai dettami che i seguaci di San Benedetto hanno seguito per secoli per scoprire che, esattamente come hanno fatto i monaci, anche i moderni manager per avere successo devono strutturare la loro organizzazione con precisione meticolosa.

Rocco Meloni nel suo libro prima, Pietro Mereu nel documentario adesso, ci illustrano i benefici del sapere della Regola Benedettina che da secoli è un esempio perfetto di management efficace, tanto da essere arrivata indenne fino a noi.  San Benedetto ed  i monaci che a lui si ispirano, hanno affrontato crisi economiche, politiche e sociali senza perdere mai di vista i precetti nascosti in quelle antiche regole di origine medievale, che oggi diventano punti di partenza fondamentali per chi vuole gestire un’azienda in modo efficace.

Rocco Meloni, autore de “I Manager di Dio”, dichiara: “Per secoli la regola benedettina è stata il modello di gestione di quei complessi abbaziali che hanno ricoperto l’Europa di centri di potere economico e di influenza culturale capaci di arrestare il degrado derivato dal crollo dell’Impero Romano […]. La Regola è stata ed è quel dispositivo di precetti, consigli, norme e dettami che ha permesso che ha consentito e consente di conseguire una organizzazione assolutamente imprenditoriale, dove ogni ingranaggio del meccanismo funziona alla perfezione e ogni elemento ha una sua importanza virale ed essenziale.”

LEGGI ANCHE| Sant'Antioco racconta il Mediterraneo fino al 10 dicembre

Pietro Mereu, con la sua telecamera ci racconterà alcuni spaccati della vita monacale e ci spiega: “Amo le storie di gruppi di persone particolari, ho lavorato sui centenari, sui pescatori di ricci, sui calcianti del calcio storico fiorentino. Amo le storie di mondi che stanno scomparendo o di quelli minoritari. In questo caso, seguendo Rocco Meloni, ho conosciuto il mondo delle abazie benedettine e degli uomini che cercano di apprendere da un modello che funziona da oltre 1000 anni” .

Foto | Ufficio Stampa