È Mamoiada la capitale sarda del vino

  • Scritto da Effe_Pi

Nel paese dei Mamuthones oltre 100 le aziende vinicole del Consorzio Mamoja che esportano in tutto il mondo prodotti d’eccellenza.

Il vino sta diventando l’oro, nel paese della Barbagia famoso soprattutto per le maschere dei Mamuthones e in generale il suo Carnevale. La crisi dell'edilizia e i tanti terreni rimasti in eredità dalle generazioni precedenti hanno ispirato i giovani di Mamoiada a comprendere che lavorata, la terra può valere una fortuna per il presente e il futuro. Il riassunto della eno-economia da vigneto di Mamoiada è nei numeri dell'associazione "consorzio" Mamoja, che raccoglie gran parte dei produttori di vino del paese. Le cifre: circa 100 soci, in gran parte aziende familiari, che producono e mettono in botte per consumo interno. Ma ci sono anche le bottiglie con design e marchi. In quindici imbottigliano e fanno girare il vino di Mamoiada per la Sardegna, per l'Italia e per il mondo.

LEGGI ANCHE | TRADIZIONI: I CAMPANACCI DEI MAMUTHONES

Ormai non c'è più manifestazione dove non ci sia una bottiglia di Mamoiada. Cantine di tutte le dimensioni: si parte da 500 bottiglie all'anno ma c'è chi arriva a quindicimila. Per non parlare dei big della produzione locale come Puggioni e Sedilesu, che viaggiano su altre cifre e sono realtà consolidate nel panorama viticolo anche internazionale. Ma il fenomeno che sta esplodendo è quello della piccola produzione di nicchia che si affaccia sul mercato. Un esempio è Vigne Muzanu, piccola azienda formata da moglie, marito e zio. Realtà partita da una vigna di un ettaro e mezzo. E che ora produce 1.500 bottiglie. Con tanta voglia di andare avanti. Contatti in tutta Italia: nelle settimane scorse un colosso delle telecomunicazioni, con alcuni emissari, è stato ospitato per uno "spuntino" nelle campagne di Muzanu che danno il nome all'azienda.

Risultato? Un ordine per regalare ai dipendenti, per le feste, una bella bottiglia di vino. "Sono rimasti molto soddisfatti - racconta Salvatore Mele, 38 anni, che con la moglie Fabiana Gungui e lo zio Emanuele  Deiana manda avanti l'attività - sia della giornata trascorsa da noi, sia del vino. A Mamoiada il vino è quasi uno status symbol: tutti lo fanno. Con il consorzio e un unico marchio stiamo cercando di muoverci in maniera più organizzata. Approfittando del fatto che qui l'aria è decisamente cambiata: il turismo, trainato anche dalla cultura e dal Museo delle maschere, è una realtà con la quale stiamo facendo i conti. E tutto il paese, nei diversi settori dal settore ricettivo all'artigianato, dal pane e formaggio, dolci e marmellate si sta facendo trovare pronto. Il vino è e può continuare ad essere uno degli attrattori".

Foto: SignorDeFazio su Flickr

Leggi anche