Trekking e bici sulle antiche vie dei pastori sardi

  • Scritto da Effe_Pi

Un nuovo percorso di cento chilometri dal mare sino alle cime del Gennargentu per un progetto finanziato con fondi europei che sarà gestito dall'agenzia regionale Forestas

Le antiche vie dei pastori del Gennargentu, del Supramonte e di Perda 'e Liana, diventeranno sentieri di alta montagna: 100 chilometri di tracciato per mountain bike, trekking ed escursioni a cavallo. E' un ulteriore passo in avanti nel piano di sviluppo della rete ciclo-escursionistica che vede protagonista l'Agenzia regionale Forestas, che attinge dai fondi Por. Il progetto sarà realizzato nei prossimi due anni e collegherà tutti i sentieri tracciati dal Cai, il Centro alpino italiano, connettendo la fascia montuosa dell'interno con la dorsale "Sentiero Italia", che da Santa Teresa di Gallura arriva fino a Castiadas: sarà il più lungo percorso escursionistico in Sardegna.  

LEGGI ANCHE | Una maxi ciclabile tra Sassari e Cagliari 

"I sentieri attraverseranno il cantiere forestale di Monte Novu fino alle vette più alte della Sardegna, Monte Spada, Punta Lamarmora, Bruncuspina, Punta Paulina - hanno spiegato i tecnici di Forestas presentando il progetto agli amministratori di Fonni - un percorso godibilissimo dal punto di vista paesaggistico naturalistico e storico-archeologico. Saranno realizzate diverse aree di sosta, con recupero di fontane naturali, vecchi ovili e punti panoramici, ma anche endemismi botanici, flora e fauna".  Forestas garantirà i lavori di manutenzione: potatura, sistemazione e pulizia del piano viario e messa in sicurezza dei tratti pericolanti. "L'intervento - hanno sottolineato i funzionari dell'Agenzia - garantirà l'aumento del valore turistico grazie ai percorsi ciclo-escursionsitici e a quelli ippoviari".   "E' un ottimo progetto per agganciare le fasce di turismo che possono raggiungere l'interno: un turismo più lento che si nutre di paesaggio, natura ed esperienze - ha sottolineato la sindaca di Fonni Daniela Falconi - I sentieri da realizzare toccano il nostro comune ma anche Orgosolo, Oliena e Dorgali: si può partire dal mare di Cala Gonone e arrivare sulla cima del Gennargentu senza mai fermarsi. Inoltre, i turisti di Santa Teresa di Gallura potranno venire nel Gennargentu seguendo il tracciato del Cai. Speriamo che i nostri operatori colgano l'occasione per attrarre nuovi flussi turistici".

Foto | Chiemgau Biking su Flickr