Una gara ciclistica virtuale per scoprire la Barbagia

  • Scritto da Effe_Pi

Il percorso sarà da Nuoro a Orgosolo, parteciperanno 500 atleti specializzati in Virtual Cycling, si potrà seguire sulle piattaforme digitali della regione.

Una gara ciclistica virtuale per scoprire i luoghi più suggestivi della Barbagia, nel cuore dell’isola. "Vincolati dalle restrizioni dovute all'emergenza sanitaria, abbiamo saputo cogliere questa nuova opportunità di promozione del territorio e grazie alla tecnologia, con un format originale, si potranno vivere esperienze realistiche ed emozionanti e far conoscere alcune zone interne dell'isola", ha spiegato l'assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa, presentando in conferenza stampa la gara di "virtual cycling", promossa dall'assessorato del Turismo, dalla camera di commercio di Nuoro e da Aspen.

Appuntamento giovedì 8 aprile, alle 20, sulle piattaforme digitali organizzate dalla regione. "Una gara ciclistica virtuale, realizzata per la prima volta in Sardegna - ha aggiunto l'assessore Chessa - che si svolgerà in uno scenario ambientale tra i più belli dell'isola, con un percorso di 30 chilometri, da Nuoro fino a Mamoiada, passando per Orgosolo, e che vedrà la partecipazione di circa 500 atleti e atlete, il 40% stranieri, in rappresentanza di 32 nazioni, ma che è rivolto anche ad un gran numero di appassionati che, oltre a godersi la gara, potranno scoprire le bellezze di quel territorio, raccontate da esperti e testimonial.

LEGGI ANCHE | Cicloturismo: la Sardegna investe sulle bici 

Al termine di questo difficile momento, che ha generato una pesante crisi per tutto il comparto, è necessario farsi trovare pronti con un territorio in grado di accogliere i turisti di tutto il mondo per 365 giorni all'anno", ha concluso l'esponente della giunta. Certo oltre a organizzare gare virtuali sarebbe bene che la regione pensasse ad implementare veri circuiti ciclabili in vista dell’uscita dalla pandemia, visto che finora tutte le promesse che da anni vanno in questa direzione hanno trovato veramente pochi riscontri nella realtà.

Foto | Kai Nehm su Flickr