Scalo di Olbia chiuso: a rischio la continuità territoriale

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Sospesi i collegamenti Olbia-Roma e Olbia-Milano a rischio i trasporti verso il continente per tutto il territorio del Nord Sardegna almeno fino a marzo.

L’annuncio della chiusura dell’Aeroporto Costa Smeralda di Olbia ha gettato nel caos i voli da e per la Sardegna. La comunicazione arriva dalla compagnia aerea Air Italy che ha deciso di cancellare i voli previsti dal Costa Smeralda nel periodo che va dal 3 febbraio al 13 marzo 2020. La giustificazione è che l’aeroporto sarà interessato da lavori di ristrutturazione della pista, già noti da tempo, ma il vettore non ha comunicato nessuna intenzione di prevedere almeno dei collegamenti con navette o bus per i passeggeri da Alghero.

È un caos annunciato, che metterà in enorme disagio tutti i passeggeri del Centro-Nord della Sardegna anche perché la decisione di Air Italy è quella di lasciare i passeggeri a terra senza prevedere nessun piano B. Il rischio è che i voli Alitalia da e per Alghero non siano sufficienti per soddisfare le necessità di mobilità dell’intero nord Sardegna. La ristrutturazione dello scalo olbiese era nota da tempo, anche alla stessa Air Italy la quale, con la decisione comunicata a mezzo stampa, ha però di fatto deciso ugualmente di lasciare a terra un intero territorio.

LEGGI ANCHE| Aerei: 13 compagnie aeree devono restituire aiuti alla Sardegna

E se a questo aggiungiamo che l’attuale regime di continuità territoriale scadrà il 16 aprile 2020 e ancora nulla si sa sul nuovo bando, sulle concertazioni con l’Ue e sul futuro dei collegamenti aerei da e per la Sardegna, il quadro si fa ancora più critico. La speranza è che Alitalia riesca a mettere a disposizione dei passeggeri che voleranno da Alghero degli aeromobili più grandi per fronteggiare l’emergenza dei giorni in cui si sarà più richiesta, ma anche su questo non c’è ancora nessuna comunicazione ufficiale.

Air Italy ha fatto sapere in una nota che «I voli da e per Alghero in Continuità Territoriale, sono attualmente operati dal vettore Alitalia ai sensi del Decreto n. 61/2013, in esclusiva e con compensazione finanziaria, mentre i voli da e per Olbia sono stati accettati da Air Italy, senza compensazione finanziaria e ai sensi del Decreto n. 367/2018. I due diversi schemi di Continuità Territoriale rendono insostenibile per Air Italy il trasferimento dei voli sull'aeroporto di Alghero». A questo punto è atteso un intervento da parte della Regione Sardegna affinché il diritto dei sardi alla mobilità sul territorio italiano non sia ulteriormente messa in discussione.

Foto | leo.laempel su Flickr