L’abbigliamento tradizionale sardo torna nella nona edizione di Sestos

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

L’evento dedicato al costume sardo e a tutto l'abbigliamento della tradizione dell'isola prevede un doppio appuntamento il 16 e 17 marzo

L’appuntamento che celebra l’abbigliamento tradizionale sardo a Sassari si chiama “Sestos” ed è ormai giunto alla sua nona edizione. Si terrà venerdì e sabato a Sassari e a Ittiri e come ogni anno sarà organizzato dall’associazione culturale e folclorica Ittiri Caneddu. Nato nel 2010 ad Ittiri, un centro considerato una delle “roccaforti del costume sardo” è un’anteprima di Ittiri Folk Festa, l’evento che quest’anno celebrerà i suoi 33 anni.

Il programma di “Sestos” è ricco di appuntamenti ed eventi dedicati a tutti coloro che vorranno partecipare. Venerdì 16 marzo, alle 17:30, presso il Museo Nazionale “G. A. Sanna” di Sassari, si terrà la conversazione di Gian Mario Demartis, dal titolo “Il paese dell'oro e dell'argento: la gioielleria tradizionale di Ittiri" in collaborazione col Polo Museale della Sardegna. Poi, sabato 17 marzo alle 17:30 presso il Centro per le Arti di Ittiri, sarà la volta del convegno “Studi, prospettive, problemi ed esperienze del vestire in Sardegna” presentato da Maria Caterina Manca e durante il quale sarà conferito il premio "manos de oro" ad un artigiano dell'abbigliamento, dell'oreficeria o dell'artigianato sardo che si e' distinto per la sua attività. Il premio consiste in un ditale d'oro realizzato dall'orafo Nanni Rocca.

LEGGI ANCHE| Kent'agros è la app per conoscere le eccellenze sarde

Nel corso del convegno interverranno Antonella Fois con la relazione "Appunti sull'abbigliamento degli uomini nuragici", Alma Casula con "Dipingere la tradizione nella cultura figurativa del Novecento sardo", Cristian Zedda con "Le divise cerimoniali del Gremio dei Viandanti di Sassari" e Gian Mario Demartis con "Il cugliettu. Valenza culturale di un relitto vestimentario". Previsto anche l’intervento musicale del cantautore cagliaritano Andrea Andrillo.

Il coordinamento scientifico di “Sestos” e' affidato a Gian Mario Demartis, demoetnoantropologo, funzionario del Ministero Beni Culturali, ex direttore del Museo Nazionale “G. A. Sanna” di Sassari.

Foto| Di Cristiano Cani from Cagliari, Italia - Bellezze di Sardegna, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons