Nell'ultimo mese

In Sardegna 31 paesi a rischio spopolamento

  • Scritto da Effe_Pi

Paese di SemesteneLo dice uno studio di regione e Università di Cagliari, si trovano soprattutto nell'oristanese e nel sassarese.

La Sardegna è una terra a rischio spopolamento? Se ne parla da decenni, ma ora le conferme arrivano da uno studio della regione cui ha contribuito l’Università di Cagliari, presentato oggi nel capoluogo, da cui risulta che ben 31 paesi sardi su 377 comuni totali rischiano di rimanere senza abitanti.
La metà di questi piccoli centri si trova nell’oristanese, mentre una decina sono nel sassarese, sono invece eccezioni i paesi “a rischio” nelle province di Olbia – Tempio, Ogliastra e Cagliari.

Al rischio “estinzione” è interessato l’8,5% della popolazione dell’isola, mentre i comuni che vanno verso lo spopolamento coprono il 26,6% della superficie della Sardegna, con percentuali che però salgono rispettivamente al 33% e 55% se a questi si aggiungono quelli considerati in stato di salute demografica "precaria". Lo studio che delinea cosa potrebbe accadere da qui al 2086 si chiama "Comuni in estinzione. Gli scenari di spopolamento in Sardegna" ed è stato realizzato dal Centro regionale di programmazione e dall'Università di Cagliari.

In particolare, i paesi a rischio più immediato sembrano essere Semestene e Monteleone Rocca Doria, entrambi in provincia di Sassari, che potrebbero restare senza abitanti rispettivamente tra 2023 e 2025 (il primo), e tra 2029 e 2031 (il secondo), quindi in meno di vent’anni. Tra quelli che rischiano in un periodo incluso tra 21 e 40 anni, sta poco meglio il comune di Padria, che rischia di essere deserto entro il 2036, mentre Giave potrebbe seguirlo entro il 2038 e Montresta (primo comune dell’oristanese) prima del 2043. In questa categoria sono inclusi anche centri come Armungia (il paese di Emilio Lussu), Sorradile, Nughedu San Nicolò, Baradili, Soddì, Martis e Ula Tirso. In tempi più lunghi (da 41 a 60 anni) rischiano invece lo spopolamento anche Borutta, Villaverde, Aidomaggiore, Anela, Esterzili, Bortigiadas, Ruinas, Simala, Ardauli, Seulo, Villa Sant’Antonio, Asuni, Mara e Morgongiori, mentre sarebbero in pericolo demografico, ma solo tra più di 60 anni, anche i paesi di Ballao, Sini, Ussassai, Nughedu Santa Vittoria e Cheremule.

Leggi anche