L'ultima miniera di carbone sarda chiude nel 2018

  • Scritto da Alba

Non si tratta soltanto della chiusura di una di una miniera di carbone ma della fine di un’epoca e a dirlo sono tutti i giornali che riflettono su quello che succede a Nuraxi Figus.

In Sardegna non si parla d’altro che della chiusura dell’ultima miniera di carbone italiana che si trova a Nuraxi Figus nel Sulcis Iglesiente. Le attività di questa miniera dovranno fermarsi definitivamente nel 2018 e non certo per volontà dei lavoratori quanto per accordi presi in passato con l’Unione Europea. 

Cosa succederà adesso ai 194 dipendenti della miniera che è proprietà della Carbosulcis? La società della Regione Sardegna ha fatto già sapere che ci sarà un sostanziale ricollocamento delle risorse. Circa cento persone sono impiegate come minatori e alcuni di loro sono stati assunti dopo il 2000. Siccome l’attività di estrazione finirà a breve, sono già partiti altri due progetti alternativi. Uno sarà gestito in collaborazione con l’Istituto nazionale di fisica nucleare, l’altro invece sarà dedicato alla produzione di fertilizzanti partendo sempre dal carbone. 

LEGGI ANCHE | La materia oscura si studierà nelle miniere sarde 

In realtà tra i 194 dipendenti ce ne sono 74 che rientrano tra i beneficiari degli incentivi per andare in pensione anticipata. È vero che i minatori, per il lavoro usurante che svolgono, possono andare in pensione a 55 anni avendo lavorato almeno 15 anni nell’attività estrattiva, ma in questo caso andranno in pensione un po’ prima. Restano da collocare 120 lavoratori

Meglio ricollocati che disoccupati ovviamente, visto che – come sottolineato dal segretario Fictem Cgil del Sulcis, Francesco Garau, da tempo il carbone estratto non veniva più venduto all’Enel per la produzione di energia.

Foto | Mario Fornasari su Flickr