Il sardo all'Università: i primi esami in limba a Cagliari

  • Scritto da Paolo Ardu

Anno accademico 2017: primi esami orali di lingua sarda in Sardegna. A Cagliari, nella facoltà di Studi umanistici dell'ateneo.

La lingua sarda finalmente è entrata all'Università. Dopo gli scritti svolti nei giorni scorsi, oggi nella facoltà di Studi umanistici si sono tenuti i primi esami orali del corso di Lingua sarda. Durante quest'anno accademico il corso della durata di 60 ore, tenuto dal professor Maurizio Virdis, ha portato i primi studenti che l'hanno frequentato ad ottenere 12 crediti formativi. In limba, nella variante preferita dallo studente. 

Sebbene in altre università internazionali (tedesche, in particolare) i corsi di lingua sarda sono da tempo riconosciuti e frequentati, è la prima volta che un Ateneo isolano ne tiene uno. Infatti l'insegnamento non va confuso con quello di Linguistica sarda, disciplina insegnata già alla fine degli anni Settanta negli atenei di Cagliari e Sassari. Nel primo dal professor di glottologia Giulio Paulis, noto anche per i suoi studi sul linguista tedesco Max Leopold Wagner, e in quello turritano dal glottologo Massimo Pittau (anche lui profondo conoscitore del Wagner) e dal compianto critico letterario e filologo di Sorso Nicola Tanda, studioso delle lingue minoritarie, e soprattutto del sardo.

LEGGI ANCHE| Sardo a scuola: soldi e polemiche

Col supporto di alcuni lettori che hanno affiancato il docente durante il corso, il programma dell'insegnamento ha affrontato la lingua sarda da un punto di vista storico, per poi studiare le prime scritture sarde nel Medioevo e quelle letterarie più in generale, nella modernità e nella contemporaneità, con particolare riguardo ai problemi grammaticali e lessicali. E' stata quindi analizzata la tipologia e comparazione della lingua sarda con le lingue neolatine, la sua variazione diatopica e il sostrato preromano. Infine, docenti e studenti hanno approfondito le strutture fonetiche, morfologiche e sintattiche della lingua: il tutto finalizzato alla comprensione scritta e orale, ed alla elaborazione di testi sia scritti che orali in lingua sarda.

“Importante e basilare – è parte della descrizione fatta del corso in relazione all'esame da sostenere – è la conoscenza e la capacità di leggere, tradurre e analizzare criticamente i testi presentati a lezione e di inquadrarli storicamente; nonché la capacità di saper sostenere una conversazione in lingua sarda su argomenti non specialistici, ma comunque relativi alla cultura della Sardegna”.

Foto | Núria su Flickr

Leggi anche