IN Breve

Reddito minimo: in Sardegna da 200 a 500 euro al mese

  • Scritto da Effe_Pi

Più alte che a livello nazionale le soglie decise dalla Giunta regionale, per quest’anno verrà erogato direttamente denaro e non sarà usata la carta acquisti.

In Sardegna il Reis, il reddito di inclusione introdotto con legge regionale l'estate scorsa, almeno per il 2017 sarà erogato in denaro - da un minimo di 200 a un massimo di 500 euro mensili - e non tramite una carta acquisti come nella misura nazionale del Sia. È quanto prevedono le nuove linee guida approvate dalla Giunta regionale per applicare il cosiddetto "aggiudu torrau" (aiuto restituito), previsto dalla legge 18 del 2016. La prima novità riguarda il superamento delle lentezze burocratiche dovute all'allineamento del Reis con il Sia-Sostegno per l'inclusione attiva, del quale, a regime, verranno utilizzate le medesime piattaforme informatiche. Per superare questo ostacolo, la Giunta sarda ha deciso di considerare il 2017 come un anno di transizione, in cui le risorse verranno trasferite direttamente ai Comuni che stileranno le graduatorie degli aventi diritto.

LEGGI ANCHE | Reddito di cittadinanza: la Sardegna sperimenta con 50 milioni

Ciascun beneficiario dovrà stipulare prima un patto con l'amministrazione comunale in cui sarà definito il progetto di inclusione attiva che la persona s'impegna a realizzare. Fra i destinatari vengono incluse le famiglie unipersonali, già presenti nel precedente programma regionale di contrasto delle Povertà, e le famiglie di fatto conviventi da sei mesi, di cui almeno un componente sia residente in Sardegna da un periodo non inferiore ai 24 mesi. L'ammontare minimo e massimo del sussidio economico e differente da quello nazionale, che va da 80 a 400 euro, e sale da un minimo di 200 a un massimo di 500 euro.

Le due misure non si escludono a vicenda, ma al contrario, per richiedere l'accesso al Reis è obbligatorio, per chi ha i requisiti, presentare domanda anche per il Sia. L'integrazione e il coordinamento fra le due misure avverrà attraverso un ordine di priorità e partendo da una soglia Isee di 3mila euro e fino a 6mila euro. Un provvedimento che prende finalmente corpo e che potrebbe essere sempre più importante per una terra con tante persone in difficoltà e con grandi problemi nel fornire un’occupazione, soprattutto ai più giovani.

Leggi anche