Nell'ultimo mese

Il passato sardo della Norman Atlantic

  • Scritto da Effe_Pi

Norman AtlanticIl traghetto naufragato sulla tratta Patrasso - Ancona aveva fatto parte della "Flotta sarda" creata negli anni scorsi dalla Regione Sardegna.

La tragedia della Norman Atlantic, il traghetto naufragato mentre viaggiava dalla Grecia ad Ancona che tiene banco nelle ultime ore, con sette vittime purtroppo già accertate, vede per l’imbarcazione un passato sardo, visto che qualche anno fa la nave batteva la bandiera dei Quattro Mori. Varata nel 2009 nei cantieri Visentini, in provincia di Rovigo, può ospitare 836 passeggeri e circa 250 auto: costruita per la società Akeman Street venne inizialmente noleggiata dalla compagnia di navigazione T-Link lines, per la rotta Genova Voltri-Termini Imerese, e poi nel 2011 noleggiata dalla Regione Sardegna, attraverso la società marittima controllata Saremar.

Faceva infatti parte del progetto di quella che venne chiamata la "Flotta Sarda", creata per contrastare il caro-traghetti ed offrire un servizio in più per l'isola rispetto alle tradizionali compagnie private. Così il traghetto, lungo circa 180 metri e con una velocità di oltre 21 nodi, venne rinominato "Scintu", in ricordo dell'eroe della Brigata Sassari Raimondo Scintu, e impiegato dal 15 giugno 2011 al 15 settembre 2011 sulla tratta fra Golfo Aranci e Civitavecchia, e l'anno successivo, dal 16 gennaio, sulla Olbia-Civitavecchia assieme al gemello "Dimonios", appellativo assegnato ai soldati della Brigata sarda.

Conclusa l'esperienza della Flotta Sarda dal settembre 2012, la nave è rimasta nel porto di Oristano e una volta scaduto il noleggio con la Saremar gli armatori hanno siglato un contratto con la Grandi Navi Veloci per la Genova-Palermo sostituendo provvisoriamente la Splendid, impegnata in manutenzioni. Nel 2013 il traghetto è quindi noleggiato alla Moby per il trasporto sulla Livorno-Olbia. Infine dal dicembre di quest'anno è stata noleggiata alla greca Anek Lines per il collegamento Venezia- Igoumenitsa-Patrasso.

Leggi anche