Nell'ultimo mese

Crolla in Sardegna il mercato del mattone

  • Scritto da Effe_Pi

Vista CagliariI dati della Cna vedono un calo del 13% nel 2013, anche se nell'ultima parte dell'anno c'è stata una ripresa nella città più grandi.

Il mattone come bene rifugio? Non sembra essere più vero, almeno in Sardegna. È infatti crisi profonda per il mercato immobiliare dell’isola, secondo la Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato). Il 2013 si è chiuso con un nuovo calo delle compravendite del 13,7%, che arriva  dopo il crollo del 23% dell'anno prima, il che significa che sono state acquistate appena 9.772 abitazioni, nuove o usate, 1.556 in meno rispetto al 2012. Il mercato residenziale in Sardegna si è in questo modo più che dimezzato rispetto alle medie del triennio 2004-2006, quando erano circa 21 mila le compravendite annue.

Il calo continua ad essere intenso sia nei 12 comuni capoluogo  (-11%), che negli altri comuni (-15%). A partire dal quarto trimestre 2012 si è però osservato un  progressivo rallentamento nel calo delle compravendite, dal -16% del  primo trimestre al -12,9% del secondo per arrivare al -7% nel terzo. Potrebbe quindi esserci una ripresa, e un primo segnale in questo senso c'è stato a Cagliari nel terzo trimestre dell'anno passato (+17%, non accadeva dalla fine del 2011). Nuoro ha registrato un andamento positivo dei primi tre trimestri (+6%, +20% e addirittura +47%), mentre ad Oristano sono andati meglio gli ultimi tre (circa +6,8% di crescita per trimestre). A Sassari, in controtendenza, il trimestre di ripresa è risultato l'ultimo (+7,6%).

Nei restanti comuni – hanno spiegato Francesco Porcu eMauro Zanda, rispettivamente segretario regionale della Cna sarda e presidente della Cna Costruzioni – invece l'immobiliare stenta a  riprendersi, anche se come detto si è comunque osservato un certo trend di rallentamento almeno fino ad ottobre: -15,3%, -12,8%, -11,5% nei primi tre trimestri''. Secondo la ricerca della Cna ad aprile 2014 le quotazioni medie delle abitazioni in vendita nelle province sarde oscillavano tra i 3.240 euro al metro quadro in provincia di Olbia-Tempio ai 931 euro/mq della provincia del Medio-Campidano.

 

Leggi anche