Nell'ultimo mese

Politica, Papa e shopping nel 2013 di Google

  • Scritto da Effe_Pi

Logo GoogleSul principale motore di ricerca web le ricerche diventano sempre più nazional popolari, da Grillo a Zalando.

È un internet sempre più nazional popolare, almeno quello che emerge dallo Zeitgeist di Google 2013, lo 'spirito dei tempi' che dal 2001 fotografa curiosità e interessi degli italiani attraverso le ricerche online emergenti sul 'motore' di Mountain View, quelle che hanno visto un particolare incremento nel corso degli ultimi 12 mesi. La politica, la tecnologia, i lutti nel mondo dello spettacolo, ma anche lo shopping online, Papa Francesco e il Festival di Sanremo.

Queste sono le parole chiave maggiormente ricercate dai navigatori del Belpaese sulla “Big G”: proprio come l’anno scorso l'attenzione degli italiani si era focalizzata sul terremoto dell'Emilia Romagna, la morte di Lucio Dalla e la Costa Concordia, stavolta in cima al podio ci sono le 'Elezioni 2013', seguite da Paul Walker, l'attore di Fast and Furious da poco scomparso in un incidente d'auto e 'Zalando', il portale per la vendita di abbigliamento e calzature. Non si tratta, ovviamente, delle parole in assoluto più cercate tramite Google (che sono 'Facebook', 'YouTube' e 'Google', come lo scorso anno), ma di termini o espressioni che hanno avuto un 'boom' di ricerche nel 2013.

Al top il quadro politico nazionale, non solo le elezioni in sé ma anche la novità di questa tornata elettorale, ovvero il Movimento 5 Stelle (al quarto posto) e Beppe Grillo (al sesto), che come tutte le grosse novità politiche suscitano amore e odio in grande scala. Papa Francesco è un altro protagonista delle attività online degli internauti italiani, come certificato dalle classifiche delle ricerche più frequenti diffuse anche da Bing di Microsoft e Yahoo! Search, nonché fra i temi più discussi su Facebook e Twitter.  La politica, infine, domina anche i ''perché'' chiesti dagli italiani al motore di ricerca di Google nel 2013: i primi tre sono stati perché votare Grillo, Bersani e Berlusconi: insomma quella politica che secondo tutti i sondaggi sembra sempre più lontana dalla vita di tutti i giorni degli italiani, è rientrata prepotentemente dalla finestra del web, almeno nell’anno delle elezioni.

Leggi anche