Nasce l’Osservatorio sardo contro il Cybercrime

  • Scritto da Effe_Pi

Presentato a Nuoro, sarà il punto di riferimento specie per gli adolescenti contro pratiche come bullismo online, sexting e adescamento su web.

Attacchi, abusi e reati sul web che spesso prendono di mira i ragazzini. Ora c'è un nuovo punto di riferimento per reagire: è l'Osservatorio Cybercrime Sardegna, appena presentato al presidio ospedaliero San Francesco di Nuoro. L'Osservatorio è costituito dalla rete di genitori digitali e dai team di docenti, genitori e studenti dei Comitati digitali scolastici che operano nelle scuole secondarie dell'Isola. La cabina di regia è affidata all'equipe degli specialisti dell'istituto di formazione Ifos, master in criminologia, Centro per la giustizia minorile, Assl Nuoro-Ats Sardegna, cooperativa Nuovi Scenari di Nuoro.

LEGGI ANCHE | Cyberbullismo: coinvolto un giovane su cinque

La missione: prevenire e contrastare tutte le forme di trasgressione che si possono manifestare sul web come la navigazione online a rischio, il cyberbullismo, il sexting e l'adescamento online. L'Osservatorio riceve segnalazioni, fornisce indicazioni psicologiche, pedagogiche e giuridiche, lavora per risolvere le problematiche presenti sul web (mediazione, interventi educativi nei contesti scolastici, collaborazione con la polizia postale e con i gestori dei principali social network). Offre, inoltre, consulenza a studenti e genitori per inoltrare al Garante della Privacy e ai gestori dei siti internet l'istanza per la rimozione di contenuti offensivi presenti sul web.

L'equipe offre a studenti, genitori, docenti e operatori socio sanitari consulenza specialistica gratuita nei casi di insulti, offese, diffamazioni, cyberbullismo, sexting, revenge porn, sex extortion, adescamento online, diffusione illecita di dati personali e sensibili e altre gravi problematiche online. Se richiesto è accettato l'anonimato. Il servizio gratuito è rivolto a studenti che, avendo subito direttamente o indirettamente prevaricazioni sul web, hanno bisogno di ricevere supporto. A disposizione un team di studenti, genitori e docenti, formato per prevenire/contrastare nelle scuole secondarie la devianza online, che progetta e realizza azioni educative.

Foto | Pro Juventute su Flickr