Sardaragate, ora ci sono i primi cinque indagati

  • Scritto da Effe_Pi

Militari, manager e funzionari nell'inchiesta della Procura di Cagliari sul pranzo segreto, ma proseguono gli interrogatori.

Ci sono cinque indagati nell'indagine della Procura di Cagliari sul pranzo "proibito" in un complesso termale di Sardara, interrotto lo scorso 7 aprile dalla finanza per violazione delle norme anti-assembramento previste per la zona arancione. Un banchetto a cui avrebbero partecipato una quarantina tra direttori generali della Regione, vertici di aziende sanitarie e di enti strumentali, politici e amministratori.

Molti di questi all'arrivo delle Fiamme Gialle erano riusciti a dileguarsi. Con l'ipotesi di peculato d'uso per avere utilizzato l'auto di servizio sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati in quattro: si tratta del colonnello Marco Granari, comandante del 151esimo reggimento della Brigata Sassari, del suo vice Mario Piras, tenente colonnello, ma anche del direttore generale di Forestas, Giuliano Patteri, e dell'ex manager dell'Azienda ospedaliero universitaria, Giorgio Sorrentino, già dimessosi dall'incarico.

LEGGI ANCHE | Sardaragate, scontro in maggioranza su Abbanoa

Il colonnello Granari risulterebbe anche essere indagato per peculato e tentata truffa militare dalla Procura Militare di Roma che ha acquisito gli atti dalla Procura di Cagliari per la parte di sua competenza. L'accusa di omissione d'atti d'ufficio è stata invece ipotizzata per Antonio Casula, comandante regionale del Corpo Forestale. A metterlo nei guai sarebbe il suo ruolo oltre che di pubblico ufficiale anche di ufficiale di polizia giudiziaria con competenze specifiche nella vigilanza e nel controllo del rispetto delle norme anti-covid contro la pandemia. Intanto ieri, come persona informata dei fatti, è stato sentitoper quasi due ore dal pm, Giangiacomo Pilia, il collaboratore dell'assessorato regionale agli Enti locali, Stefano Esu, fratello di Mauro, portavoce del governatore della Sardegna, Christian Solinas. Mentre lunedì è stato sentito dalla Gdf il direttore artistico del Teatro Lirico di Cagliari, Luigi Puddu.