Porti: controlli sul Coronavirus solo a Cagliari

  • Scritto da Effe_Pi

Ancora nessuna procedura avviata ad Olbia e negli altri scali marittimi della Sardegna, intanto i sindacati chiedono un incontro alla regione per esprimere la grande preoccupazione di chi lavora nel settore sanitario. 

Solo il porto di Cagliari controlla i passeggeri per prevenire la diffusione del Coronavirus. Nessun provvedimento del genere finora – invece – negli altri scali marittimi sardi, da Olbia – dove però sono stati effettuati sopralluoghi e l'ente ha dato il via libera per l'utilizzo di locali interni alla stazione marittima per operatori sanitari e per lo stoccaggio del materiale medico e delle apparecchiature, mentre finora non risultano richieste dalla Protezione civile per Golfo Aranci, Porto Torres e Santa Teresa di Gallura. A dirlo è l’Autorità di sistema portuale del mare di Sardegna, in merito alle operazioni contro il contagio da Covid-19.

LEGGI ANCHE | 5 motivi per cui il Coronavirus è contro il capitalismo di oggi

E mentre il consiglio regionale ha deciso sull’assunzione di nuovi medici, una richiesta di incontro urgente all’assessore regionale alla sanità - Nieddu - è stata inviata stamattina dai segretari regionali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl Roberta Gessa, Massimo Cinus e Fulvia Murru per discutere proprio del reclutamento straordinario del personale sanitario, della relativa formazione e applicazione delle direttive di prevenzione a tutti gli uffici pubblici del territorio regionale per l’emergenza epidemiologica da coronavirus.

Al momento risulterebbe che in alcuni presidi sociosanitari territoriali non siano ancora state attuate le misure prescritte. “La situazione di criticità che da molto tempo segnaliamo relativamente all’appropriatezza del servizio sanitario regionale – hanno scritto i sindacalisti - in questi giorni sappiamo essere ancor di più affidata all’abnegazione del personale”. Le continue richieste di informazioni e le preoccupazioni segnalate alle categorie da parte degli operatori presuppongono inoltre la necessità urgente di avere le informazioni più corrette e aggiornate su quanto sta accadendo e su tutti gli sviluppi della situazione e le necessarie misure per contenere la diffusione del virus.

Foto | Jean Bajean su Flickr