Nell'ultimo mese

Budelli potrebbe presto tornare pubblica

  • Scritto da Effe_Pi

BudelliL'Ente Parco vuole esercitare il diritto di prelazione ma servono risorse dallo Stato per ricomprare l'isola.

Budelli potrebbe tornare presto pubblica, soldi permettendo. Lo ha detto il presidente dell’Ente Parco de La Maddalena, Giuseppe Bonanno, nel corso di una conferenza stampa convocata sull’argomento. L’iniziativa è stata adottata dopo che una petizione su Change.org, promossa dalla Fondazione UniVerde dell’ex leader dei Verdi, Alfonso Pecoraro Scanio, ha raccolto oltre 56mila adesioni. La volontà di esercitare il diritto di prelazione e riacquistare l’isola, ora di proprietà di un magnate neozelandese, c’è tutta, il problema sono i soldi, secondo quanto affermato dallo stesso Bonanno, che ha chiesto “un'assunzione di responsabilità politica tale da permettere al Parco di accedere a  risorse che purtroppo non sono nelle attuali disponibilità”, in questo caso il Parco non esiterà un secondo “a esercitare il diritto di prelazione e aprire il dialogo con tutti quanti vorranno partecipare alla conservazione e  alla valorizzazione di questo angolo di paradiso".

L’isola che è la perla del Parco, uno dei simboli “più importanti e apprezzati della Sardegna e dell'Italia, deve divenire pubblico, deve essere tutelato da qualsiasi meccanismo legato alle umane vicissitudini e non governato dalle volontà del singolo, per quanto ora alte e meritorie", ha aggiunto il presidente dell’Ente, sottolineando che "non siamo contro la proprietà privata né tanto meno contro il privato che vuole partecipare alla tutela”. Anzi, Mr. Harte è stato percepito come una novità “sia nei modi di operare che in quello di esternare un sincero  amore per la nostra terra, ma lo Stato dev essere il regista". Pecoraro Scanio, promotore della petizione per Budelli bene comune, ha aggiunto che ''la decisione del presidente del Parco di esercitare il diritto di prelazione è un importante passo avanti". "Ora – ha aggiunto l’ex ministro - il ministero dell'Ambiente, il Governo, il  Parlamento e la Regione Sardegna si attivino. Le risorse che  dovrebbero essere trovate per riportare l'isola di Budelli a essere  bene comune sono inferiori all'1% dei soldi spesi per il G8, mai avvenuto, della Maddalena. Non riuscirci sarebbe una sconfitta dello Stato italiano''.

 

Leggi anche