Nell'ultimo mese

“L’isola del sole nero”, viaggio nella Sardegna ferita dall’inquinamento

  • Scritto da Effe_E

La Sardegna ha il triste primato in Italia per superficie di territorio contaminato.

da La Stampa | di Andrea Arena

Nell’isola, che ha chiuso il bilancio del 2014 con un 10% in più di presenza turistica (Sired), circa 445.000 ettari di territorio risultano inquinati. Dagli anni Sessanta, la terza regione più grande della penisola ha assistito allo sviluppo di un modello d’industrializzazione di forte impatto sull’ambiente e la vita delle comunità locali, importato con il consenso e l’entusiasmo della classe politica regionale.

Qui, come altrove in Italia, questo sistema produttivo ha visto il proprio declino con la fine delle politiche d’investimento pubblico, nel segno di una crisi industriale tangibile in tutto il Paese. Il processo di industrializzazione forzata vede l’agricoltura soccombere alla sottrazione di suoli destinati a impianti chimici e petrolchimici.

Inoltre, l’esclusione dalla maggior parte degli incentivi finanziari ha avuto come conseguenza la riduzione della capacità produttiva e l’azzeramento dei progressi che il settore agricolo aveva avuto negli Anni Cinquanta. In questa inchiesta il racconto di una magnifica perla del Mediterraneo ferita.

Leggi anche