È quello di Chia il litorale più bello

  • Scritto da Effe_Pi

La località sarda e le sue spiagge al primo posto nella guida 2017 di Legambiente e Touring Club sul mare più bello del paese.

È quello di Chia il mare più bello per il 2017, secondo l’omonima guida sui litorali a Cinque Vele che ogni anno viene pubblicata da Legambiente e Touring Club. Tra le prime dieci marine premiate ci sono anche quelle di Posada e Siniscola, Baunei, la Planargia con Bosa e l’Arcipelago di Maddalena e dintorni. A trionfare sono quindi spiagge spettacolari come Su Giudeu e Cala Cipolla fino a Sa Colonia, Porto Campana o quella del Porticciolo, e se poi si ha voglia di percorrere qualche decina di chilometri in più si arriva fino a quelle in territorio di Teulada, che vanno sicuramente riconosciute come parte di un litorale stupendo che sta rendendo il Sud Sardegna una delle migliori destinazioni turistiche ormai da molte estati.

LEGGI ANCHE | Turismo: per la Sardegna un anno da record

E il mare più bello della guida a Cinque Vele è anche quello che rispetta di più l’ambiente: i comprensori turistici raccolti nella guida sono stati infatti individuati sulla base dei dati raccolti da Legambiente sulle caratteristiche delle qualità ambientali e di quelle dei servizi ricettivi: uso del suolo, degrado del paesaggio e biodiversità, attività turistiche; stato delle aree costiere; mobilità, energia, acqua e depurazione; rifiuti, iniziative per la sostenibilità, sicurezza alimentare e produzioni tipiche; mare, spiagge ed entroterra, struttura sociale e sanitaria. I dati sono stati integrati dalle valutazioni espresse dai circoli locali e dall'equipaggio di Goletta Verde.
Il Mare più bello descrive 43 comprensori selezionati su un totale di 90 zone balneari e propone le eccellenze del mare italiano in ogni regione, da nord a sud. Questa iniziativa si inserisce in un mercato turistico, quello balneare, che era considerato saturo e che, invece, risulta in costante aumento, come dimostrano i dati sardi che migliorano di anno in anno.

Foto | Gaspar Torriero su Flickr

Leggi anche