Differenze tra Omaha e Poker Texano

Gli intenditori di poker conoscono e apprezzano già il Texas Hold’em, anche detto poker texano. Quanti però conoscono l’Omaha poker?

Ne pariiamo in questo articolo, trattando in particolare le differenze tra i due giochi. 

Curiosità

Negli sfavillanti anni 70, mentre festeggiavamo il ritorno degli astronauti dell’apollo 13 a ritmo di disco music, o delle rock-band più riconoscibli di sempre, e celebravamo il primo ‘’earth day’’ (festa mondiale della Terra), nasce a Detroit  un gioco nuovo, da considerarsi un ramo del poker texano. Si tratta dell’Omaha, che inizialmente si chiamava ‘’Two by three’’, dove il giocatore aveva a disposizione 5 carte, cosa che limitava il numero di partecipanti. Per questo si decise di ridurle a 4, anche se ancora oggi in UK e in Francia si gioca sia con 4 che con 5. La verità è che la riduzione delle carte, determina il punto di svolta per il successo del gioco negli USA, dove il suo nome cambiava a seconda del luogo. 

Differenze 

La prima differenza da mettere in luce è il numero di carte distribuite al giocatore prima del flop. Nel Texas Holdem Poker, si ricevono 2 carte, mentre nell’Omaha ne vengono distribuite 4. La differenza è lampante, poichè ciò determina una maggiore possibilità di avere combinazioni di carte rilevanti nell’Omaha. 

La seconda differenza riguarda il numero di carte destinate ad ogni giocatore, da impiegare per ottenere una combinazione vincente. In entrambe le varianti di poker bisogna realizzare ogni mano con la  migliore combinazione di 5 carte. Come si compongono? Esse si compongono dalle carte personali distribuite ad ogni giocatore all’inizio della partita e da quelle comuni presenti sul tavolo di gioco. 

Ecco che entra in scena la seconda differenza: la combinazione della mano e l’uso delle carte personali non è uguale in entrambi i giochi. 

Nel Texas Holdem poker si possono usare entrambe, o nessuna delle due carte personali per la costruzione della mano, ad es.: se ci sono 4 carte di cuori sul tavolo e abbiamo un asso dello stesso seme abbiamo fatto un colore (flush). Nel caso dell’Omaha vanno sempre usate due delle carte ricevute. 

Se dunque ci sono 4 carte di cuori sul tavolo, solo con due carte dello stesso seme sarà possibile aggiungere il colore. 

Ordine delle scommesse

In entrambe le varianti è possibile giocare con qualsiasi ordine di scommessa: no-limit, o fixed-limit. Eppure, per ogni modalità esiste una struttura classica comunemente usata. Per il poker texano la struttura maggiormente usata è il no-limit, mentre per il ohma è il pot-limit. 

Struttura mani 

Difronte all’Omaha, proprio per la maggiore probabilità di ottenere una buona mano, i giocatori sono più propensi a rimanere in gioco. Ma questa tendenza nasce da una sorta di inesperienza, si presume insomma di poter vincere ‘’facile’’, cosa non del tutto vera, visto che una combinazione rilevante è facilmente ottenibile anche dagli avversari.