Due gelaterie sarde tra le migliori per Gambero Rosso

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Entrambe ottengono tre coni, il punteggio più alto della guida.

 Prodotti naturali e di ottima qualità, ispirati alla Sardegna con le sue eccellenze e i prodotti della sua terra. È sicuramente questo il segreto dell’enorme successo delle due gelaterie sarde che sono entrate a far parte della Guida Gelaterie d’Italia 2020 Gambero Rosso e che hanno ottenuto il punteggio più alto possibile, tre coni gelato, per l’eccellente qualità dei loro coni e coppette.

La prima gelateria, la gelateria pasticceria “I Fenu” di Cagliari, è una riconferma del un successo del lavoro del gelatiere artigiano Fabrizio Fenu e di sua moglie, la pastry chef Maurizia Bellu. La loro gelateria è nota per gli accostamenti azzardati ma armonici e per l’utilizzo di ingredienti ispirati alla Sardegna e alle sue eccellenze. Ortiche, petali di gelsomino, elicriso, corbezzolo, pecorino, il melone di Baradili, bianco, coltivato a secco, pepe di timut, vernaccia di Oristano da abbinare alla crema, abbamele e mandorle sarde, bottarga di Cabras. Tutti ingredienti che non si trovano spesso nel gelato ma che si trovano comunemente nei campi e negli orti della Sardegna, e che finiscono in un gelato che ha fatto di questi ingredienti particolari il suo marchio già negli anni ’70, quando il padre di Fabrizio, Gesuino, produceva il gelato alle ortiche nella gelateria di Marrubiu. "Da lui ho imparato a trasformare in gelato ingredienti che troviamo comunemente nei nostri orti e campi", racconta Fabrizio Fenu, "Mi piace sperimentare, provare accostamenti insoliti, far lavorare la filiera sarda, utilizzare materie prime fresche di stagione". E nel suo laboratorio non si usano solo ingredienti sardi, precisa Fenu: "Accogliamo anche i gusti diversi che arrivano da ogni angolo del mondo perché se vogliamo che i nostri prodotti siano valorizzati anche oltremare non dobbiamo chiuderci: è dal confronto con altre realtà che nascono le idee per nuovi abbinamenti”. 

LEGGI ANCHE| Gelato: ecco i dieci gusti sardi più originali

La seconda gelateria ad essersi aggiudicata i tre coni si trova al Centro della Sardegna. A Macomer si trova infatti la gelateria “Dolci Sfizi”, new entry di quest’anno della Guida del Gambero Rosso. "E' una grandissima soddisfazione aver portato nel cuore della Sardegna, nel mio paese, questo riconoscimento - afferma Nicolò Vellino - dietro a questo risultato ci sono anni di studio, di gavetta". Vellino, dopo anni di esperienze all’estero, ha deciso di ritornare in Sardegna per aprire un suo locale nel quale valorizzare i prodotti locali come miele, olio, zafferano. Una scelta coraggiosa che in molti all’inizio non hanno esitato a definire folle: "In tanti mi hanno preso per matto quando ho deciso di rientrare in Sardegna – dice Vellino, ma era il mio sogno. Dare uno stimolo a tanti piccoli produttori, portare nel mio paese la cultura del prodotto artigianale. È da qui che dobbiamo ripartire, abbiamo una tale ricchezza di materie prime di altissima qualità. Dobbiamo solo crederci. Le cose stanno cambiando.” Alcune delle sue creazioni sono rinomate, come il gelato al torrone di Tonara e il sorbetto alle more selvatiche di rovo del monte di Sant'Antonio a Santu Lussurgiu.

Foto | stu_spivack su Flickr