Nell'ultimo mese

Cibo: le 10 fake news virali in tavola

  • Scritto da Effe_Pi

Dall’ananas dimagrante allo zucchero di canna che non fa ingrassare, fino alle banane più ricche di potassio Coldiretti sfata 10 miti su ciò che mangiamo.

Il cibo è sempre più importante nella nostra vita quotidiana: tutti vogliamo che sia sano e di qualità, in tempi di coltivazioni, allevamenti intensivi e sofisticazioni varie, ma è difficile avere la garanzia che ciò accada. Sicuramente però il massiccio uso dei social network ha alimentato una serie di “miti” sui cibi che fanno bene alla salute e quelli da evitare assolutamente: credenze virali che possono creare anche grossi danni, e che si cerca ora di sfatare con una top ten delle fake news a tavola, presentata in occasione della campagna #stopfakeatavola promossa da Coldiretti e dall'Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare nell'ambito di un corso di formazione organizzato in collaborazione con la Scuola Superiore della Magistratura.

LEGGI ANCHE | La bufala della carne di maiale vietata a Monserrato

1) IL LATTE FA MALE. La vulgata tra gli internauti vuole che il latte sia dannoso perché è un alimento destinato all'accrescimento di cui solo l'uomo, tra gli animali, si ciba per tutta la vita. In realtà il latte di mucca, capra o pecora rientra da migliaia di anni nella dieta umana, al punto che il genoma si è modificato per consentire anche in età adulta la produzione dell'enzima deputato a scindere il lattosio, lo zucchero del latte. Il filone di pensiero che ritiene opportuno bandire i latticini dall'alimentazione poggia sul China Study, un'indagine epidemiologica svolta a partire dal 1983 in Cina, i cui risultati sono stati ritenuti inattendibili dalla comunità scientifica e dall''Airc, l'Associazione italiana per la ricerca sul cancro.

2) L'ANANAS BRUCIA I GRASSI. Una bufala molto comune  riguarda le presunte proprietà brucia grassi dell'ananas. Un effetto dovuto alla bromelina (contenuta però nel gambo dell'ananas, che nessuno mangia, che comunque favorirebbe la digestione delle proteine e non la neutralizzazione delle calorie e dei grassi) e di alcune ricerche di tanti anni fa (che, nei ratti, avevano evidenziato una leggera azione ipolimezzante di un estratto alcolico dell'ananas) poi smentite dai successivi sviluppi della ricerca scientifica.

3) IL KAMUT E UNA VARIETÀ ANTICA DI CEREALI CON PROPRIETÀ ESCLUSIVE. Il "grano dei faraoni", il Kamut, non è altro che un marchio commerciale privato, registrato negli USA, con cui viene venduto il grano della varietà Khorasan (Triticum turgidum spp. turanicum). Questa è coltivata anche in Italia e ha caratteristiche particolari che possono essere ritrovate anche nel farro o nel grano duro italiano come il Senatore Cappelli, ma il marchio Kamut è registrato negli USA e viene rilasciato solo per il prodotto coltivato negli Stati Uniti e in Canada.

4) MANGIARE CARNE FA SEMPRE MALE E SE NE PUÒ FARE A MENO. Non esiste nessuno studio che provi che mangiare carne anche a piccole quantità sia dannoso per la salute, secondo la Coldiretti. Al contrario, i vantaggi di una dieta completa che la includa sono scientificamente indiscussi. Se ne può fare a meno solo integrando la sua mancanza con altri prodotti animali, come uova in primis, latte e derivati, e in alcuni casi assumendo integratori di vitamine e minerali. La carne è come una barretta energetica ricca di nutrienti ad alto assorbimento, che fornisce nell'immediato tanti elementi necessari alla crescita, allo sviluppo, al mantenimento, alla difesa e alla riparazione del nostro corpo, che nessun altro alimento da solo è in grado di dare.

5) LE BANANE SONO LE PIÙ RICCHE DI POTASSIO. Le banane non sono sul podio dei prodotti ortofrutticoli freschi più ricchi in potassio e sono anche "appesantite" da un contenuto calorico più elevato rispetto ai prodotti ortofrutticoli nazionali che le precedono, sulla base delle Tabelle di composizione degli alimenti del Crea-Nutrizione. Al vertice della graduatoria dei prodotti ortofrutticoli freschi ci sono gli spinaci crudi, seguiti dalla rucola e dai cavolini crudi. Le banane nel confronto con i prodotti freschi nazionali, non si piazzano che al nono posto. E tra la frutta fresca spicca la leadership del kiwi.

6) I GRASSI VANNO COMPLETAMENTE ELIMINATI DALLA DIETA. I grassi sono nutrienti indispensabili per il nostro corpo ed eliminarli dalla dieta può mettere a rischio la salute. L'importante è non abusarne (possono rappresentare il 25-30% delle calorie giornaliere) e selezionare quelli più buoni e di qualità, come l'olio extravergine d'oliva.

7) CHI È INTOLLERANTE AL LATTOSIO NON DEVE MANGIARE FORMAGGI. La stagionatura prolungata di molti formaggi porta ad una scomparsa del lattosio, o ad un radicale calo. Inoltre, anche gli intolleranti al lattosio, in base ai dati di Efsa, sono generalmente in grado di tollerare senza problemi e disagi dosi fino a circa 125 ml di latte al giorno.

8) LO ZUCCHERO DI CANNA NON FA INGRASSARE. Sono in molti a credere che lo zucchero di canna sia più salutare di quello bianco e contenga meno calorie, tanto da essere più indicato per chi è a dieta. In realtà lo zucchero di canna ha le stesse caratteristiche nutrizionali e caloriche di quello bianco raffinato.

9) TUTTI I PRODOTTI ALIMENTARI REALIZZATI NELL'UNIONE EUROPEA RISPETTANO LE STESSE REGOLE. In Italia ci sono le regole produttive più rigorose nelle caratteristiche dei prodotti alimentari, dal divieto di produrre pasta con grano tenero a quello di utilizzare la polvere di latte nei formaggi fino al divieto di aggiungere zucchero nel vino, che non valgono in altri Paesi dell'Unione Europea.

10) I PRODOTTI VENDUTI DAL CONTADINO SONO MENO CONTROLLATI. Tutti i prodotti alimentari in vendita in Italia devono rispettare gli stessi standard sanitari e devono sottoporsi agli stessi controlli. Anzi i produttori agricoli aderenti alla rete di Campagna Amica si sottopongono a tre ulteriori livelli di controllo verificati da un Ente terzo. Inoltre l'acquisto diretto dal produttore garantisce maggiore freschezza e l'origine del prodotto del 100% in Italia dove opera il sistema di controlli più capillare.

Foto | Raphaël Labbé su Flickr

Leggi anche