Primato della Sardegna per i prodotti a marchio Dop e IGt

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Secondo il report Srm il territorio sardo è il primo in Italia, con un valore aggiunto al settore di 1,8 miliardi di euro.

Il report Srm, centro studi collegato a Intesa San Paolo, ci mostra chiaramente i numeri da record della regione Sardegna nel comparto alimentare, vitivicolo e lattiero caseario. Secondo lo studio, presentato a Cagliari durante il convegno “I comparti vitivinicolo, oleario e lattiero caseario, quali opportunità di crescita per il territorio”, sono 15.000 i produttori di qualità nell’agroalimentare in Sardegna, un totale del 18,7% rispetto al dato complessivo nazionale che rende la Sardegna la prima regione Italiana per presenza di marchi Dop, Igt e Stg. Il valore aggiunto del settore è stimato a 1,8 miliardi di euro, numeri che posizionano l’isola al quarto posto nella classifica delle regioni del Mezzogiorno e all’undicesimo posto tra le regioni di tutta la penisola italiana.

LEGGI ANCHE| Sardegna al vertice per latte e formaggi Dop

 Se però si considera il peso del valore aggiunto dell’industrial alimentare su totale manifatturiero, la Sardegna allora si colloca al secondo posto in Italia. I dati parlano chiaro: l’export per il settore agroalimentare ammonta a oltre 19 milioni e nel decennio 2010/2016 ha avuto una crescita media del +8,3%, superiore quindi sia alla media meridionale (+4,6%) sia alla media nazionale (+5,6%). Il settore lattiero-caseario del sassarese nel secondo trimestre del 2017 conta 30,4 milioni di export mentre la zona di Cagliari rappresenta il 22,4% del valore aggiunti, il 32,7% delle imprese e il 21,8% dell’export.

LEGGI ANCHE| L'olio fruttato di Alghero piace ai reali d'Inghilterra

Anche la filiera vitivinicola  è in crescita, con un valore della produzione pari a 132 milioni di euro, ed e' in crescita dell'8,2%. Stessa cosa per la filiera olearia che vanta una produzione pari a 20,7 milioni di euro. Cresce anche la produzione del latte: la Sardegna infatti produce il 60% del latte nazionale e i valori dell’export del settore sono altissimi: le industrie lattiero-casearie rappresentano il 67,6% delle esportazioni dell’industria alimentare sarda.

Foto | andriaflckr su Flickr