Nell'ultimo mese

NUOVO SUICIDIO DI UN DISOCCUPATO IN SARDEGNA

  • Scritto da Effe_Pi

DisoccupatoEnnesima tragedia della disperazione legata alla crisi economica in Sardegna. Ieri notte, un uomo di 45 anni, Massimiliano Cilloco, si è ucciso a Villanovaforru, sparandosi una fucilata nel petto. Il copione è lo stesso che abbiamo visto ripetersi decine di volte negli ultimi anni e specialmente nelle ultime settimane, visto che questo è il quarto suicidio in meno di un mese nell'isola.

Si inizia con la perdita del lavoro a causa delle difficoltà sempre più evidenti del sistema economico, in questo caso l'uomo aveva lavorato per un'azienda casearia di San Gavino, poi si prosegue con la crisi personale e i problemi familiari, stavolta legati ai continui litigi con la compagna e convivente, per concludersi con un gesto tragico ormai sempre meno inatteso come la fucilata con cui Cilloco si è tolto la vita.

Che la situazione in Sardegna sia più difficile che in molte altre zone d'Italia lo ha testimoniato perfino Papa Francesco con la parole rivolte oggi agli operai della E.On arrivati a Roma per incontrarlo, e la tendenza non sembra cambiare, anzi aggravarsi di giorno in giorno.

Sulla tragedia di ieri è intervenuta la capogruppo di Sel (Sinistra Ecologia Libertà) al Senato, Loredana De Petris, ricordando che ''Di fronte ai drammi quotidiani legati alla crisi, ai suicidi per mancanza di lavoro, la politica non può permettersi di voltare le spalle. Ci auguriamo che il  tema dell'occupazione sia la priorità nell'agenda del governo Letta-Napolitano". E sui suicidi nell'isola era intervenuto nei giorni scorsi anche il capogruppo del Movimento 5 Stelle a Palazzo Madama, Vito Crimi, ribadendo "la necessità di una azione urgente a favore dei ceti produttivi e dei lavoratori, schiacciati dalla crisi e da uno Stato troppe volte cieco e sordo".

Leggi anche