I sardi sono un popolo che va ancora in biblioteca

  • Scritto da Effe_Pi

Una ricerca dell’Istat conferma la fama di buoni lettori degli abitanti dell’isola: nell’ultimo anno quasi il 16% è andato in uno spazio pubblico, percentuale sopra la media nazionale italiana.

I sardi sono ancora tra i popoli che amano e frequentano le biblioteche pubbliche. Lo hanno fatto nell’ultimo anno il 15,9% degli abitanti dell’isola, percentuale leggermente più alta della media italiana (15,3%) ma molto maggiore di quella media del centro – sud, con regioni come Sicilia, Campania e Calabria che sono rimaste molto al di sotto del 10%. I dati sono stati forniti da Istat in occasione della manifestazione romana “Più libri più liberi” e a livello nazionale sono stati quasi 9 milioni i lettori che hanno frequentato una biblioteca nell’ultimo periodo. Cifra abbastanza incoraggiante se si considera che in alcune aree del paese l’offerta è piuttosto ridotta e che ormai la presenza di libri a basso costo e di supporti elettronici come l’E-book rendono in qualche modo meno “necessari” gli spazi pubblici.

LEGGI ANCHE | Libri: la Sardegna è una terra di buone letture

Dalla ricerca risulta comunque che i più assidui frequentatori delle biblioteche sono i bambini tra i 6 e i 10 anni: il 38,7% (pari a 1 milione 074mila persone) ci è stato almeno una volta nell'ultimo anno. Percentuali simili nella fascia 11-14 (38,3%, pari a 894 mila persone) e, a scendere 20-24 (36,1%), 15-19(35,3%) e 3-5 (21,5%). Oltre tre milioni di ragazzi tra i 6 i 14 anni, iscritti quindi alla scuola dell'obbligo, non hanno messo piede in biblioteca nell'ultimo anno. Dopo i 24 anni, le percentuali dei frequentatori di biblioteche sul totale della popolazione crollano sotto il 20%: 16% nella fascia 25-34, a scendere nell'età adulta e poi anziana.

Differenze significative si rilevano anche tra i generi, replicando squilibri che peraltro sono rilevati anche negli indici di lettura: le ragazze che frequentano le biblioteche sono il 17,2%, contro il 13,2% dei maschi. La forbice più larga è nella fascia 15-19: 43% di ragazze contro il 28,4% dei ragazzi. Anche a livello geografico tante discrepanze :frequentano la biblioteca il 21,7% dei cittadini con più di tre anni nel Nord-est, meno del 10% nel Sud (8,6%) e nelle Isole(9,1%).

Foto | Stewart Butterfield su Flickr