Greggi sarde modello contro i gas serra

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

  Nelle aziende ovine della Sardegna si studiano misure per la lotta al cambiamento climatico.

SheeptoShip Life è il progetto europeo che da due anni lavora per individuare i punti critici della filiera produttiva ovina nell’ottica di diminuire le emissioni di gas serra. Il progetto, che è stato presentato nella zona del Cnr, ha lo scopo di mettere a punto un piano di intervento da poter sperimentare su aziende modello in modo da diminuire l’impatto dei gas inquinanti del 20% in dieci anni.

L’allevamento ovino e l’industria ad esso correlata, a livello globale, sono responsabili di circa il 6,5% delle emissioni di gas serra dell’intero comparto zootecnico. Solo in Europa, le emissioni di metano derivanti dall’allevamento delle pecore rappresentano circa il 4% di tutto il settore agricolo europeo e gli allevamenti italiani contribuiscono per più del 6%. Ecco perché un piano di riduzione delle emissioni dell’azienda ovina potrebbe avere un impatto positivo notevole sul totale delle emissioni.

LEGGI ANCHE| Un progetto sardo per la lotta biologica agli insetti

Secondo Pierpaolo Duce, responsabile dell'Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Ibimet) di Sassari e coordinatore del progetto, la Sardegna è il luogo ideale dal quale partire per l’osservazione in quanto presenta una varietà climatica, orografica e geologica tale che consente la diffusione di varie pratiche di allevamento ovino presenti in tutta Europa. Una sorta di laboratorio sperimentale a cielo aperto: tredicimila aziende ovine isolane, suddivise in quattro macro aree geografiche con caratteristiche distintive, che sono state raggruppate in categorie aziendali campione suddivise sulla base della consistenza del gregge e del numero di capi ad ettaro.

LEGGI ANCHE| La mungitura robot che cambia la pastorizia in Sardegna

Tramite la metodologia del Life Cycle Assessment (Lca) sono state valutate le prestazioni ambientali del latte e dei formaggi sardi prodotti con i sistemi agro-zootecnici più diffusi. Lo scopo è riuscire ad individuare i punti critici della produzione e poi trovare le soluzioni tecnico-operative più adeguate per ridurre l’inquinamento ambientale e testarne l’efficacia.

Foto| Pixabay