Bar for the sea: a Cagliari risparmiate 3 tonnellate di plastica in 3 mesi

I bar e chioschi tutti del Poetto coinvolti nell’iniziativa hanno eliminato la plastica dai loro servizi.

Ridurre il consumo della plastica è possibile. Lo hanno fatto gli 8 bar plastic free di Cagliari che hanno aderito all’iniziativa della campagna “#Barforthesea” della fondazione Medsea e dell'organizzazione ambientale statunitense 'Parley for the Oceans'. Alla campagna estiva hanno aderito Le Palmette, Oasi Cafe', Sella del Diavolo, Aurora, Otium, Capolinea, Twist e Miraggio. Questi bar e chioschi per 3 mesi, dall’1 luglio al 30 settembre, i chioschi sulla spiaggia del Poetto di Cagliari hanno eliminato la plastica dai loro servizi e optato per materiali alternativi. Il risultato dell’operazione è stato eccellente: in soli 3 mesi sono state risparmiate 3 tonnellate e mezzo di plastica, parti a 91mila metri cubi.

LEGGI ANCHE| Basta rifiuti in mare: ora a Cagliari c'è Seabin

Nei 1570 coperti giornalieri dei bar la plastica è stata sostituita da altri materiali come il cartone, il legno per le palette del caffè e dei gelati o per i cocktail, il tetrapaack, le lattine o il vetro e rendere. Sono rimaste solo le bustine di aceto e olio ma per risparmiare plastica i clienti sono stati invitati a usufruire dei servizi al banco. Secondo Vanessa Melas, economista ambientale di Medsea, grazie a questi virtuosi comportamenti si è evitata la formazione di un’isola di plastica pari a 36 chilometri quadrati, superiore alla superficie de La Maddalena e Caprera nel nord della Sardegna.

I gestori dei bar sono stati soddisfatti e non hanno registrato lamentele della clientela né ulteriori spese aggiuntive. Hanno però rivendicato il diritto ad avere una più equa tassazione dei rifiuti.