Allarme fondali: in Sardegna perso il 25% della Posidonia

  • Scritto da Effe_Pi

Crollo della presenza della pianta marina fondamentale per la biodiversità e ora nell’isola nasce un osservatorio ad hoc per studiarne le problematiche.

È allarme fondali marini: in Sardegna tra 1990 e 2005 è stato perso il 25% della Posidonia presente, pianta marina fondamentale per la tutela della biodiversità. Il fenomeno riguarda anche Toscana, Lazio, Liguria e Puglia. Le cause? "Ancoraggi selvaggi sotto costa, inquinamento, cambiamenti climatici ed eventi meteorologici estremi ne mettono a rischio la sopravvivenza - spiega il ricercatore ed etologo, Fabio Ronchetti - La grande attenzione mediatica per le enormi criticità a cui stiamo esponendo da decenni la salute dei nostri mari e coste, spinge le persone alla scoperta degli habitat marini costieri".

LEGGI ANCHE | A Villasimius battaglia per salvare la Posidonia dalle barche

Anche per studiare meglio questo fenomeno in Sardegna nasce l'osservatorio della biodiversità: controllo e monitoraggio dei fondali e delle praterie di questa pianta, attraverso l'uso di strumentazioni video innovative, scienza ed educazione ambientale. È un'iniziativa che parte da MareTerra Onlus Environmental Research and Conservation e dall'Area Marina Protetta di Capo Caccia e Isola Piana. L'obiettivo è quello di unire turismo sostenibile e conservazione della natura. "La stessa figura delle guide ambientali escursionistiche - spiega l'esperto - è fondamentale anche per la tutela di questi ambienti marini attraverso un'adeguata valorizzazione del turismo acquatico. Queste figure professionali giocano un ruolo fondamentale nel diffondere la cultura del rispetto e della tutela degli habitat marini costieri e favorirne la loro conservazione".

Foto | Arnaud Abadie su Flickr