Api, Sardegna e Argentina insieme per studiarne le malattie

  • Scritto da Maris Matteucci

Una nuova collaborazione tra Sardegna e Argentina che lavoreranno insieme per studiare le malattie delle api

Sardegna e Argentina lavoreranno insieme per studiare le malattie delle api. Una collaborazione importante che punterà i riflettori sulle università e i centri di ricerca dell'isola. Tra Sardegna e Argentina ci sarà dunque una sorta di scambio di prodotti innovativi in maniera bilaterale per test in entrambi i continenti che dovranno portare a conoscere più da vicino alcune delle patologie che più di frequente mettono a repentaglio la salute delle api, fondamentali non solo per la produzione di miele ma anche per la salvaguardia dell'ecosistema intero.

Le malattie che possono colpire questi insetti sono tantissime e molte, in particolare quelle dell'Apis Mellifera, sono  state al centro di una serie di incontri, in Argentina, tra Alberto Angioni e Francesco Lai dell'Università di Cagliari, i loro colleghi dell'Università di Sassari Ignazio Floris e Alberto Satta, e Martin Eguaras, maggior esperto apidologo argentino per le problematiche sanitarie dell'Apis Mellifera, e Gustavo Velis, coordinatore generale del Centro de Graduados dell'Università di Mar del Plata.

 PRODOTTI TIPICI DI SARDEGNA: MIELE DI EUCALIPTO

La collaborazione tra Argentina e Sardegna è destinata a continuare visto che partirà un protocollo comune per Italia e Argentina. L'attenzione dei ricercatori, almeno inizialmente, sarà tutta per la Varroa destructor e la peste americana causata dal bacillo Paenibacillus larvae. Sono queste, ad oggi, le principali cause di mortalità degli alveari e del collasso nella stagione attiva delle famiglie infestate. Le conseguenze sulle api sono dunque tragiche, ecco perché capire di più su queste malattie, per debellarle, è di fondamentale importanza per la sopravvivenza della specie. Le api colpite dalle malattie sopra elencate evidenziano una serie di sintomi precisi che portano a una riduzione numerica delle api stesse, ad api adulte malformate o con segni di paralisi, covata a mosaico e a larve morte.

Photo | Pixabay

Leggi anche