Verso l’area marina protetta nel Golfo di Orosei

  • Scritto da Effe_Pi

Il progetto sarà presentato a Dorgali a metà ottobre e interessa tutto il tratto di costa da Capo Comino a Monte Santo, in territorio di Baunei.

Il progetto per l'area marina protetta 'Golfo di Orosei-Capo Monte Santo', nella provincia di Nuoro, sarà illustrato durante un incontro pubblico previsto a Dorgali a metà ottobre. La presentazione sarà fatta dai tecnici dell'Ispra (l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), a cui il ministero dell'Ambiente ha affidato la perimetrazione e zonazione.

LEGGI ANCHE | Ambiente: parco sardo candidato a patrimonio dell'umanità

L'area protetta ricomprende il tratto di costa centro-orientale della Sardegna che va da Capo Comino a Capo Monte Santo, in territorio di Baunei. Costa che comprende alcune delle cale maggiormente pregiate del litorale e la grotta del Bue marino, dove sino agli anni '60 erano presenti alcuni esemplari della foca monaca. Da qui l'interesse del ministero, il cui progetto rientra nelle previsioni della legge 221 del 2015, che promuove la 'green economy'.

Al progetto manca per il momento l'adesione del comune di Baunei, mentre sono d'accordo le amministrazioni municipali di Orosei e Dorgali, che hanno già approvato nei rispettivi Consigli la proposta presentata dall'Ispra. "L'area protetta - spiega la sindaca dorgalese, Maria Itria Fancello - era negli obiettivi elettorali della nostra amministrazione. Riteniamo infatti che per la valorizzazione del nostro patrimonio marino si debba cambiare impostazione rispetto al passato. Le attività presenti nell'area in oggetto - aggiunge - non saranno classificate perché appartenenti a un comune piuttosto che a un altro, ma perché all'interno di un progetto unitario a supporto della valorizzazione globale del golfo di Orosei". Una volta creata, l'area marina sarà gestita da un consorzio, con la partecipazione dei comuni titolari del territorio che la ricomprende.

Foto | Fabrizio su Flickr