Sugherete danneggiate dalla neve, Spano lancia l'allarme

  • Scritto da Maris Matteucci

Sugherete danneggiate dalla neve, Spano lancia l'allarme e chiede un aiuto concreto da parte del Governo...

I danni provocati dalla neve sulle sugherete della Sardegna sono ingenti. Per questo motivo l'assessora all'Ambiente, Donatella Spano, lancia un grido di allarme importante attraverso una letta aperta inviata al ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina. Una lettera nella quale si chiede sostegno concreto da parte dello Stato per una Sardegna che, nelle sue coltivazioni di sughere, è stata profondamente colpita e che adesso ha bisogno di aiuto per risollevarsi. Occorre intervenire con urgenza, dunque, per evitare il pericolo di ulteriori perdite. Spiega Spano: "La nevicata ha determinato, in ampie zone e nell'entroterra del nuorese e in Gallura, una grave compromissione dei boschi di sughera. La Sardegna con 114.000 ettari di sugherete mediterranee, contribuisce per l'83% al valore nazionale della superficie boscata, mentre i 22.000 ettari di pascoli arborati, non trovano riscontro nel resto d'Italia". Le sugherete dunque sono troppo importanti per andare perdute: "Una simile realtà - continua Spano - rappresenta una ricchezza di inestimabile valore ambientale ed economico che consente a migliaia di persone di trarre beneficio dallo svolgimento di attività produttive direttamente connesse all'utilizzo di questo patrimonio".

 PRODOTTI DI SARDEGNA: SAPA DI FICO D'INDIA

La regione Sardegna si aspetta dunque una pronta risposta da parte dello Stato per cercare di risollevare una situazione che, al momento, non promette certo bene: "Ci aspettiamo un segnale concreto del Governo alle comunità colpite che non sarebbe adeguato se basato sulle sole risorse del bilancio della Regione Sardegna: per dare risposte alle reali esigenze delle popolazioni colpite occorre adottare un piano di intervento straordinario, alla cui definizione esprimo sin d'ora la piena disponibilità sia a livello politico sia tecnico".

E adesso dunque non resta che attendere per capire se una risposta arriverà…

Photo | Pixabay

Leggi anche