IN Breve

Notiziario IN Nuorese

LODÈ. Sale la tensione: oltre sessanta bidoni di latte versato per terra, all'ingresso del paese, in Su 'e mutu. Un centinaio di manifestanti, questa mattina intorno alle 11. "Massima solidarietà con i nostri pastori" dice il parroco di Lodè, don Alessandro Muggianu. "Semus totus pastores" lo slogan che fa ancora eco. L'esasperazione dei pastori di Lodè è doppia: per il prezzo del latte, da una parte; per l'isolamento dall'altra. Se i pastori sardi devono fare i conti con i costi altissimi di produzione e i pochi centesimi offerti loro per il latte, i pastori di Lodè pagano a caro prezzo anche l'isolamento cui sono costretti visto che la strada per Siniscola resta ancora chiusa (per frana) e la strada per Torpè resta ancora (da decenni) senza collaudo. (luciano piras)
MAMOIADA. Il latte è stato munto all'alba e versato in piazza a Mamoiada alle 11 in punto, oggi 9 febbraio 2019 la protesta dei pastori è continuata in tutta la Sardegna rurale e ha raggiunto anche la strada 131, oggi all'altezza di Giave. A Mamoiada si sono dati appuntamento i pastori del paese, quelli di Orgosolo e di Fonni (foto di Massimo Locci) LEGGI ANCHE La rivolta del latte
Nuoro. Dopo vari tentativi di salvarlo dai funghi che lo avevano attaccato, l'amministrazione comunale ha deciso di abbattere il pino sotto il quale Grazia Deledda andava a scrivere e a meditare. Ma l'abbattimento non è un addio all'albero, bensì l'inizio di una nuova vita. Opportunamente trattato sarà spostato non lontano dal luogo caro alla scrittrice e sarà un monumento naturale (foto di Massimo Locci) LEGGI ANCHE: Abbattuto il pino di Grazia Deledda
RSS News powered by:
® Bing News | ® Google News
© All right reserved