Il gioco ai tempi della quarantena? Si fa online

Per passare il tempo, gli italiani hanno aumentato le ore davanti a console, PC e smartphone, riscoprendo anche i giochi della tradizione. Volano i giochi online.

Sono passati ormai quasi due mesi dal lockdown annunciato dal Governo Conte, che lo scorso 9 marzo ha costretto a chiudersi in casa decine di milioni di italiani, tramite lo strumento ormai celeberrimo del DPCM (decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri). In queste settimane, gli italiani hanno dovuto scoprire – o riscoprire – tutta una serie di passatempi quali la lettura, la cucina e naturalmente i giochi.

Secondo una ricerca di idealo, durante il lockdown le ricerche degli italiani sono aumentate del 288,5% sui giochi di società, del 146,7% sulle console di gaming e del 24,9% sui videogiochi. Un trend in crescita, che probabilmente solo un pesante allentamento delle restrizioni potrà rallentare. Forse non già dal 4 maggio, momento in cui inizierà la cosiddetta Fase 2 (la convivenza con il Coronavirus), visto che in realtà non saranno poi molte le libertà di cui gli italiani potranno di nuovo godere.

Cresce anche il settore dei giochi online, come ad esempio il poker online e i giochi da casinò, passatempi virtuali disponibili sia su computer sia su dispositivi mobile come tablet e smartphone, naturalmente avvantaggiati dal fatto che gli italiani stanno passando molto più tempo rinchiusi tra le quattro mura di casa.

A far crescere ulteriormente il traffico verso poker room e siti di casinò online ha contribuito anche lo stop alle lotterie, Lotto e Superenalotto compreso, tra le attività che per inciso ricominceranno proprio a partire da lunedì 4 maggio. Quello dei giochi online è però un argomento molto sensibile, come tutte le attività che prevedono l’utilizzo di denaro.

Le autorità, negli ultimi anni, hanno lanciato una grossa campagna di sensibilizzazione, per combattere e prevenire fenomeni quali il gioco illegale. L’informazione è di fondamentale importanza in questo settore, e il consiglio degli esperti è quello di acquisire consapevolezza sul funzionamento dei giochi, leggendo ad esempio le guide sulle slot online proposte solo da operatori autorizzati, nonchè i termini e le condizioni dei siti di giochi stessi.

Fortunatamente, a tal proposito le indicazioni dell’Agenzia delle Dogane, ex Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, sono molto chiare: lotta serrata al mercato dei siti offshore e controlli su tutte le aziende del settore, le quali da anni devono dotarsi di una regolare licenza per poter offrire giochi a soldi veri sul territorio italiano.

Foto | Cnina8 su Flickr