Startup: Veranu approda alla finale europea

All'ultimo atto dello Startup Europe Awards l'azienda innovativa dell'isola che ha creato un pavimento capace di trasformare l'energia dei passi in elettricità.

Finale europea per il pavimento “verde” sardo, che produce energia pulita. La startup green Veranu, è infatti approdata all’ultimo atto degli Startup Europe Awards a Bruxelles, dove si giocherà insieme ad altre nove imprese innovative di tutto il continente il premio di migliore di tutto il 2016. La startup sarda punta al risparmio energetico globale, contribuendo a ridurre le emissioni di Co2: partendo da questo obiettivo principale, il team ha realizzato un pavimento 2.0 che trasforma l'energia cinetica dei passi in energia elettrica puntando ad un impiego razionale, e soprattutto smart, della stessa. 

Fanno parte del team Alessio Calcagni, Simone Mastrogiacomo, Giorgio Leoni, Antonio Chiarello, Giovanni Sanna, Damiano Congedo, Nicola Mereu. Gli startupper hanno presentato i progetti nella sede di Assolombarda a Milano, davanti a una giuria di esperti. La startup dell’isola ha inoltre ricevuto in premio il servizio “tailor-made", di supporto alle fasi di internazionalizzazione e miglioramento della competitività, declinato sulle specifiche esigenze e caratteristiche di ciascuna startup, offerto da Een - Enterprise Europe Network.

Promossa da Commissione Europea (DG Growth e DG Connect), Parlamento Europeo e Startup Europe, l'iniziativa mira a celebrare i talenti imprenditoriali europei attraverso una competizione comunitaria che coinvolge tutti gli Stati membri dell’Ue. Veranu sfrutta una tecnologia invisibile e totalmente integrata nel pavimento tradizionale, facile da installare e da gestire in caso di manutenzione, creando nuovi stili di vita sostenibili che partono direttamente dalle persone e dai loro passi, risultando tangibili per tutti.  L’azienda è stata incubata presso il venture incubator Clhub che ha investito 30 mila euro nel progetto ed ha sede a Capoterra. 

Foto: Pixabay | CC0 Public Domain

Leggi anche