Logo

Polonia, il governo sfida i giudici

Si fa sempre più seria la crisi costituzionale innescata dalle riforme volute dal partito Diritto e giustizia (Pis).

Da Internazionale

Il 10 marzo la corte costituzionale ha bocciato le nuove norme sul suo funzionamento, approvate dopo uno scontro con l’esecutivo sulla nomina di alcuni giudici.

Secondo la riforma, le decisioni avrebbero dovuto essere prese a maggioranza di due terzi e alla presenza di 13 dei 15 giudici costituzionali. La riforma – dicono i giudici – viola i principi del sistema democratico.

Il governo, tuttavia, ha annunciato che non riconoscerà la sentenza. “Il leader di Pis, Jaroslaw Kaczynski, ha dichiarato guerra a milioni di polacchi”, scrive il settimanale Newsweek Polska. “Li ha insultati calpestando lo stato di diritto, condizionando la corte costituzionale e non ascoltando le rimostranze che arrivavano dall’estero. Questa battaglia è la più importante dal 1989. Ed è una battaglia per il futuro del paese”.

Preoccupato anche il quotidiano conservatore Rzeczpospolita: “La sentenza della corte costituzionale e il riiuto del governo di rispettarla hanno innescato una reazione a catena che rischia di far saltare l’intero sistema legale”.

Approfondisci:

“Non possiamo limitare il cambiamento politico in Polonia solo al rovesciamento di Kaczyński”, spiega il sociologo e deputato di Lewica ...
Si trova ancora a Varsavia Federico Rossi, l'aretino che con l'associazione Neos Kosmos si è spostato dal fronte della Grecia a quello al confine tra la Polonia e la Bielorussi ...
La cancelliera tedesca nel suo colloquio con il premier polacco Morawiecki, ha assicurato la 'piena solidarietà' della Germania alla Polonia nella crisi di confine con la Bielorussia.
Secondo il premier Morawiecki, le autorità bielorusse starebbero portando i migranti verso il confine con la Lettonia ...
Sono circa 2 mila i migranti ammassati alla frontiera in un campo profughi improvvisato, ma altre centinaia continuerebbero a trascorrere le notti ...

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.