10 detenuti diventano libri viventi all’Orto botanico di Cagliari

  • Scritto da Effe_Pi

L’iniziativa fa parte del festival Leggendo Metropolitano e si svolgerà la mattina di domenica 10 giugno in viale Fra Ignazio.

Dieci detenuti della Casa circondariale di Uta utilizzeranno i loro permessi premio per trasformarsi in libri viventi e raccontare, sotto l'ombra degli alberi dell'Orto Botanico di Cagliari, le loro storie ai visitatori lettori. Un contributo - questo l'obiettivo - per abbattere il sistema di pregiudizi legati al tema della detenzione. È il progetto Biblioteca Vivente Oltre le Sbarre, inserito nel programma della decima edizione del festival Leggendo metropolitano. 

LEGGI ANCHE | In Sardegna le carceri meno affollate d'Italia

L'appuntamento è per domenica 10 giugno dalle 9.30 alle 13.30 in viale Fra Ignazio: una iniziativa realizzata in collaborazione con la Casa Circondariale Ettore Scalas, l'Università degli Studi di Cagliari e l'Hortus Botanicus Karalitanus. Non solo, il giorno prima dodici persone in carne ed ossa racconteranno che cosa sono migrazioni, omosessualità, apparenze, differenza linguistiche. Anche loro come se fossero dei libri da consultare. Lo scenario è un pò diverso, visto che la chiacchierata sarà a bordo dell'autobus del Ctm. E in questo caso gli appuntamenti sono fissati per sabato 9 giugno sulla Linea 6 dalle 9.30 alle 12.30 e sulla Linea 1 dalle 17 alle 20. 

Nella sua decima edizione il festival Leggendo metropolitano rafforza inoltre il sodalizio con Legambiente, attraverso itinerari studiati per scoprire e valorizzare il patrimonio storico e ambientale della città di Cagliari. Il progetto "Leggendo l’Ambiente" propone infatti tre percorsi urbani a partecipazione gratuita e aperti a tutti, tracciati per approfondire meglio in un'ottica paesaggistica e archeologica le storie delle famiglie del passato, dei loro legami e delle loro dimore.

Foto | Cristiano Cani su Flickr