IN Breve

I gemelli Tenkorang, cittadini e bomber a Lanusei

I due ragazzi, italiani figli di emigrati, hanno festeggiato l’ottenuta cittadinanza italiana con due reti.


Il loro sogno è sfondare un giorno nel mondo del calcio ma per adesso si godono il successo ottenuto nella serie D. I gemelli Joshua e James Tekorang infatti sono le giovani promesse della squadra del Lanusei. Classe 2000, centrocampista uno e attaccante l’altro, sono gli ultimogeniti di sette figli di una coppia mista nigeriana e ghanese. I loro genitori sono emigrati in Italia nella metà degli anni 80 del secolo scorso e i due ragazzi sono nati a Novara, dove sono cresciuti e hanno frequentato un istituto professionale dove hanno conseguito l'attestato di idraulico.

LEGGI ANCHE | È straniero il 3% della popolazione sarda

Solo in questi giorni hanno finalmente ottenuto la cittadinanza italiana e, subito dopo la comunicazione da parte della questura di Novara, hanno iniziato le pratiche per la richiesta del passaporto. Per festeggiare, Joshua Tenkorang ha segnato due reti, le prime in assoluto della sua esperienza in serie D, che hanno spianato la vittoria del Lanusei contro l’Albalonga.emelli Joshua e James Tekorang infatti sono le giovani promesse della squadra del Lanusei.

Giovanissimi, i gemelli Tenkorang hanno giocato nelle giovani del Novara per 5 anni, poi nella Pro Vercelli per un anno e infine nelle giovanili della squadra tedesca dello Deutscher Sportclub Arminia Bielefeld. Tornati in Italia, nella stagione 2016-2017 hanno indossato la maglia della Romentinese-Cerano e infine sono approdati al Lanusei grazie al direttore sportivo ogliastrino Luigi Abbate, che li tiene d’occhio e punta molto sul loro talento. A Lanusei i gemelli si trovano benissimo e aspettano l’occasione buona per mettere in mostra tutte le loro qualità, in particolare James che ancora non ha potuto mostrare le sue doti perché è stato poco utilizzato. Adesso il loro sogno è strettamente legato al sogno di Lanusei: arrivare alla promozione in serie C.

Foto| Pixabay

  • Scritto da Anna Maria Cantarella