A Santa Teresa di Gallura una App promuove il territorio

  • Scritto da Redazione

Con le precauzioni per evitare i contagi diventa sempre più importante il progetto di un'applicazione che da tempo mette in rete i vari comparti del settore turistico ma anche quelli utili alla vita quotidiana nel centro gallurese.

Nasce nel 2014 e l'obiettivo era di far fronte ad un turismo che si era modificato, nella richiesta e nelle abitudini. Quello stile che per decenni aveva caratterizzato la vacanza, fatta di lunghi soggiorni con permanenza nella località scelta, cambiava verso la preferenza di un turismo itinerante, fatto di pochi giorni in più località. Entrava nel lessico comune quel termine ora così in voga, e a volte usato anche a sproposito, che è il turismo esperienziale (ovviamente tradotto in lingua inglese "experience", forse per dare più enfasi ed un respiro più internazionale). 

Santa Teresa Gallura, località splendidamente affacciata sulle Bocche di Bonifacio e con lo sfondo invidiabile della Corsica, fare rete tra operatori e rispondere compatti al turismo del nuovo millennio si è pensati per tempo e lo strumento aggregante, utile per promuovere il territorio e i suoi servizi, è la App STG Turismo, quell'applicazione che a quel tempo appariva ancora un oggetto strano, che oggi invece diventa indispensabile e fa diventare i nostri dispositivi mobile strumenti imprescindibili per le nostre giornate, sia in ambito lavorativo che vacanziero. 

"Con Intour abbiamo messo a regime la prima App collettiva per un circuito creato in Alto Adige - racconta Filippo Comati responsabile tecnico dell'azienda produttrice - e la Sardegna con Santa Teresa Gallura è venuta qualche anno dopo, registrando numeri importanti di download nonostante la giovane età di questo strumento in campo turistico". 

E' stata la prima località dell'isola a mettere insieme operatori dei vari comparti, dal ricettivo al food, dai bar e caffè all'artigianato, dallo shopping ai servizi per il mare, dal trekking al beauty e benessere e quant'altro è di supporto all'ospite, formando una rete compresa in una App capace di promuovere le eccellenze del territorio e di renderle facilmente accessibili attraverso le funzioni che lo strumento applicativo consente. 

"Con il 2020 queste funzione triplicano nel loro numero e nel loro valore - precisa Comati - affiancando ai servizi di geolocalizzazione, di invio mail e daile diretto ed altro, anche quelli di delivery consegna a domicilio, prenotazione tavolo, bookingecommerce e quant'altro". Inoltre, grazie ad una collaborazione avviata con l'amministrazione comunale di Santa Teresa, la App STG Turismo conterrà una sezione che andrà a promuovere tutte le iniziative per la fruizione del territorio, dalle escursioni al diving a tutta l'offerta outdoor costruita in sinergia con gli operatori della località". 

La vera novità che la rete App STG Turismo presenta quest'anno è però legata alla vicenda che ha caratterizzato questa prima parte dell'anno, vale a dire il Covid19. E' noto che vi saranno nuove e rigide disposizioni, tra quelle governative a quelle regionali e, potenzialmente, anche comunali. Può diventare problematico muoversi in sicurezza tra queste normative che riguardano la vacanza a 360 gradi, dall'accesso alle spiagge e alla loro fruizione, dalle norme che regolano il flusso ai ristoranti, ai bar, alle strutture ricettive, alla vita di mare a bordo di imbarcazioni a tutto quanto è andato a modificarsi nell'approccio alla vacanza. Il servizio che si offre all'ospite di Santa Teresa per meglio districarsi dentro queste mille condizioni è offerto dalla App che consente, attraverso notifiche regolarmente inviate sui dispositivi mobili, di rimanere informati ed aggiornati in tempo reale. 

"Riteniamo sia un importante servizio offerto al turista - precisa Roberto Rossi content web di Intour e coordinatore del circuito - tanto che lo stiamo implementando in numerose altre località che lo stanno chiedendo. Santa Teresa sarà capofila di questa innovazione per quanto concerne la Sardegna, a dimostrazione dell'attenzione e del riguardo che questa località ha nei confronti del suoi turisti e visitatori, ma anche della consapevolezza di quanto è importante il comparto del turismo per l'economia locale". 

La stagione 2020 si presenta ai blocchi di partenza con un carico di incognite e di difficoltà che questa pandemia ha portato, ma la risposta di Santa Teresa è stata immediata. La rete di operatori che sette anni fa qui nasceva non avrebbe mai pensato di dover, un giorno, risultare così determinante, così funzionale a controbattere un'epidemia che ha attaccato così ferocemente l'apparato turistico del nostro paese. 

Vetrofanie e materiale informativo saranno distribuiti in tutte le attività di Santa Teresa e dintorni, allo scopo di diffondere il più possibile e nel più breve tempo uno strumento che assume un'importanza mai così significativa, affiancando all'azione promozionale del territorio e delle sue attività, una funzione fondamentale per la divulgazione di informazioni e consigli necessari alla migliore fruizione dell'offerta turistica teresina. A supporto della App STG Turismo e della rete degli operatori funziona www.ingallura.it, un portale web ben indicizzato ed il gruppo facebook Vacanze in Gallura, molto visitato e che propone quotidianamente tutte le offerte turistiche di Santa Teresa Gallura. 

Foto | ©Giorgio Bertuzzi