Logo

La balena morta con 22 chili di plastica in pancia

La femmina ripescata a Porto Cervo è morta a causa dei rifiuti ingeriti e con lei il suo feto: c'erano reti, lenze, piatti, corrugati, è allarme plastica anche nel mare di Sardegna.

Era una femmina di 8 metri che portava in grembo un feto di poco più di due metri e mezzo, già morto e in parziale decomposizione, il capodoglio trovato spiaggiato venerdì scorso a Cala Romantica, vicino a Porto Cervo, nel nord-est della Sardegna. Il suo stomaco era pieno di plastica, diversi chili: reti, lenze, piatti di plastica, corrugati. "Addirittura sacchetti dov'è ancora possibile leggere il codice a barre", ha rivelato Luca Bittau, biologo della onlus SeaMe Sardinia che ha partecipato alle operazioni di recupero della carcassa.

LEGGI ANCHE | La plastica invisibile che uccide il Mediterraneo

"Siamo rimasti sgomenti. Rappresenta un monito per quanto stiamo facendo a questi animali, al nostro mare e a noi stessi". La terribile fine del cetaceo è stata ricostruita ad Arzachena, in Gallura, dove nel fine settimana i veterinari dell'Istituto zooprofilattico di Sassari e della facoltà di veterinaria di Padova hanno effettuato la necroscopia.  La presenza del mammifero marino era stata segnalata venerdì mattina, 28 marzo, all'ufficio locale marittimo di Porto Cervo. I militari arrivati sul posto avevano constatato che il capodoglio era già morto. Il comune di Arzachena è uno dei comuni costieri che ha sottoscritto l'accordo Pelagos per il Santuario dei cetacei, zona marina di 87mila 500 chilometri quadrati condivisa fra Italia, Principato di Monaco e Francia per la protezione dei mammiferi marini.

Foto | Vigili del Fuoco

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.